Finale Europa League : Il Chelsea trionfa sull’Arsenal 4 a 1

Pubblicato il autore: Fabio Faiola Segui

Ieri sera si sono affrontate due scuole calcistiche , quella italiana di Sarri e quella Spagnola di Emery, e, questa volta il belpaese ha avuto la meglio. In questa finale di Baku c’è molta Italia in campo, da Sarri ai vari giocatori, che negli anni hanno militato nel nostro campionato. E’ stata una partita dai due volti : con un primo tempo abbastanza guardingo da entrambe le squadre, con leggera supremazia dell’Arsenal, e un secondo tempo tutto di impronta sarriana, con un gioco travolgente e avvincente da parte dei blues. Il Chelsea è partito con il classico modulo 4-3-3, mentre l’Arsenal con il tipico 3-4-1-2. L’inizio è di studio per entrambe e, la prima azione pericolosa è dei biancorossi, con un cross insidioso di M- Niles, che con difficoltà viene respinto dal portiere e la palla viene intercettata da Aubameyang, che tira non lontano dalla porta all’ottavo min. I Gunners sfruttano molto le fasce , allargando il gioco, ma il Chelsea, molto attento in difesa, respinge ogni attacco. Al 17mo Lacazette , in area, anticipa il portiere, ma la palla esce fuori e lui cade a terra senza essere toccato dall’estremo difensore del Chelsea e quindi, l’arbitro Rocchi( Italia) giustamente non assegna alcun rigore. Il Chelsea, con una folata improvvisa, crea una buona occasione, con Kante sulla fascia che crossa per Giroud, il quale non controlla bene la palla, che termina fuori. Al 27mo l’Arsenal, con una bordata da fuori area del num.34 Xhaka, si rende insidioso, ma la palla termina di poco sopra la traversa del portiere Kepa. Ancora il Chelsea si rende temibile al 33mo con Emerson che, ben servito  da Hazard, tira e Cech para. Non passano nemmeno 5 min. che i sarriboys creano un’altra azione insidiosa, con Giroud, servito da jorginho, ma Cech è presente e para . Termina senza recupero il primo tempo.
Il secondo tempo è all’insegna del Chelsea, dall’ inizio alla fine, infatti al 49mo, passa in vantaggio con un gran goal di testa di Giroud, servito magnificamente dall’ottimo Emerson e, per Cech, non ci sono speranze. Ora cominciano a vedersi le azioni autentiche di Sarri, con difesa che coinvolge 8- 9 uomini ed attacchi corali in grandissima velocità. A questo punto l‘Arsenal ha una piccola risposta e avanza il baricentro, ma non si rende mai veramente pericoloso e, così, giungiamo al 59mo, quando un’azione collettiva porta Pedro a piazzare la palla del 2 a 0 sul lato destro dell’incolpevole Cech mettendo l’Arsenal  alle corde. Le improvvise azioni della squadra del presidente Abramovic, mettono in seria difficoltà i biancorossi e , per Pedro, si sta per completare il mosaico, con l’unico trofeo mancante  ( ha vinto tutto con il Barcellona ). Ormai i Blues sono padroni del campo e , al 64mo dopo azione insistente di Pedro , Giroud, viene atterrato in area dal num 15 M-Niles ed è rigore netto. Sul dischetto va Hazard, che spiazza il portiere e segna il 3 a 0. Emery prova a rovesciare le sorti della partita, facendo entrare Iwobi e Guendouzi al 66mo, e i risultati non tardano ad arrivare con Iwobi, devastante sulla fascia sinistra e , addirittura riesce ad accorciare le distanze al 68mo, con un goal di rara fattura da fuori area. La speranza di un’improbabile rimonta non dura che 3 min., quando Giroud con assist al bacio al 71mo, serve Hazard, che chiude definitivamente il match, mettendo dentro la palla del 4 a1. Dopo la girandola delle sostituzioni ed alcune azioni sventate dall’impeccabile portiere Cech, la migliore occasione per arrotondare il punteggio, capita sui piedi di Azpilicueta, ma la palla termina di poco fuori dai pali. L’Arsenal ha gli ultimi sussulti di orgoglio, ma non riesce a sfondare, nonostante l’ottima prova di Iwobi e Lacazette, i quali non riescono ad infilarla in porta.
C’è gloria in campo anche per un altro italiano, Zappacosta, che entra per Hazard, a cui va una meritata standing ovation del suo pubblico. Dopo 3 vittorie di Emery , in questa competizione, è giusto che questa volta lasci la coppa al nostro tecnico italiano, che dopo tanti anni di gavetta, è riuscito finalmente , attraverso il lavoro quotidiano, l’impegno e la serietà, ad ottenere il primo trofeo prestigioso e anche a Napoli è festa oltre che in Inghilterra.
L’Arsenal, per spuntarla su questo Chelsea, avrebbe dovuto avere 11 Iwobi in campo, ma purtroppo ce n’era uno solo e il poker per il tecnico spagnolo, è rimandato alla prossima stagione.
Ora se in politica c’è il “Br-exit” nel calcio vige il ” Br-entry”.

arbitro:Rocchi(ita);reti:49mo Giroud-59mo Pedro-64mo Hazard su rig.-68mo Iwobi-71mo Hazard;angoli 7a4 per il Chelsea;spettatori 69.000;ammoniti Pedro,Christensen.

Leggi anche:  Supercoppa Italiana, dove vedere Juventus Napoli: streaming gratis e diretta TV Rai 1?

migliori in campo:Giroud-Hazard-Pedro,David Luiz; Iwobi,Lacazette e Cech per i Gunners.Possesso palla:Chelsea 49% Arsenal 51%

  •   
  •  
  •  
  •