Calciomercato Inter, Marotta: “Possiamo considerare chiuso il mercato in entrata”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

Inter manager Antonio Conte

Si è trattata di una vera e propria Estate di rinnovamento per l’Inter che, dopo il cambio di panchina SpallettiConte, ha improntato le strategie di calciomercato con pieno supporto alle richieste tecniche fatte dallo stesso tecnico salentino e si può dire che quest’ultimo sia stato accontentato su quasi tutti i fronti.
Il nome che spicca su tutti è quello dell’ormai attaccante del Manchester United, Romelu Lukaku che, dopo mesi di trattative estenuanti con gli stessi ‘red evils’, arriva in nerazzurro con un bagaglio di esperienza internazionale importante ma soprattutto con molta gioia di affrontare questa nuova esperienza e di conoscere i suoi nuovi compagni. Lui è stata la richiesta numero uno di Antonio Conte, in quanto lo ha sempre ritenuto la punta ideale per il suo gioco e questo lo testimonia il fatto che l’abbia fortemente cercato anche nel periodo in cui ha allenato il Chelsea.
A raggiungere l’attaccante belga proprio negli ultimi giorni di calciomercato, vi è l’ex compagno di squadra Alexis Sanchez che arriva con la formula del prestito secco e con la sua tecnica e qualità potrà dare sicuramente una mano alla squadra e completa il reparto offensivo nerazzurro composto da: Lukaku, Lautaro Martinez, Politano ed Esposito.

Per quanto riguarda i nuovi arrivati degli altri reparti, a centrocampo sta facendo parlare di sé un nuovo arrivato: Stefano Sensi. Dopo un precampionato a dir poco esaltante, l’ex calciatore del Sassuolo, ha dimostrato nella prima uscita stagionale ufficiale contro il Lecce, di poter diventare uno dei giocatori cardine della nuova Inter di Antonio Conte, non solo per il goal ma per l’ottimo senso della posizione in campo, per la sua visione di gioco, capacità d’inserimento e soprattutto una buonissima intesa con Brozovic che può diventare una dei punti di forza dei nerazzurri nel corso della stagione.
Tra gli altri acquisti di questo reparto ci sono stati segnali incoraggianti da Barella che, dopo una tournèe non particolarmente positiva, nei minuti finali di Inter- Lecce ha mostrato sprazzi della sua classe mentre i tifosi nerazzurri non vedono l’ora di vedere all’opera altri due nuovi acquisti di questa importante sessione di calciomercato come Lazaro e Godin.

Ma l’ “effetto Conte” si è vista non tanto negli acquisti di questa campagna di calciomercato quanto nelle cessioni che hanno visto eliminare tutti coloro hanno creato tensioni all’interno del gruppo negli scorsi anni o che comunque non venivano visti utili ai fini del progetto del tecnico ex Chelsea così: Nainggolan è tornato al Cagliari (con la formula del prestito con diritto di riscatto), Perisic è andato al Bayern Monaco (prestito oneroso con diritto di riscatto), Joao Mario alla Lokomotiv Mosca (prestito con diritto di ricatto) e Dalbert alla Fiorentina (scambio di prestiti con Biraghi).
E Icardi? Dopo l’incontro il presidente Zhang che ha ribadito la volontà di escluderlo dal progetto, rimane all’Inter come detto dalla moglie/agente Wanda Nara o partirà per una nuova esperienza?

Caso Icardi: le parole di Marotta

In merito al “caso Icardi” l’ad dell’Inter, Beppe Marotta, ne ha parlato ai margini di un evento all’Hotel Sheraton di Milano, apparendo molto ottimista per una sua cessione entro il due Settembre (data chiusura del calciomercato, ndr.).

Marotta ha dichiarato: “Abbiamo assunto decisioni con responsabilità. Abbiamo avuto rispetto del ruolo della società, abbiamo avuto una linea. Siamo coscienti dei fatti che sono accaduti, non siamo autolesionisti. Tutto questo nonostante la professionalità dei giocatori. Abbiamo agito in buona fede. Monaco e Juve? Ci sono ancora delle difficoltà, siamo ottimisti e spero si possa concludere al meglio quella che ritengo sia la telenovela dell’estate. Ogni giorno c’è qualcosa in più. Ognuno giustamente prende la sua posizione ed è giusto così. Non possiamo raccontare tutto pubblicamente“.

Per quanto riguarda il mercato in entrata e un possibile acquisto a centrocampo, l’ad interista ha affermato: “Possiamo considerare chiuso il mercato in entrata. Ringrazio Ausilio, che ha svolto un ottimo lavoro”.

  •   
  •  
  •  
  •