Serie C, niente gare nel weekend. Ghirelli nel comunicato: “La Serie C si ferma”

Pubblicato il autore: gaetanomasiello91 Segui

Serie C, sciopero indetto per la 1.a giornata di ritorno che si sarebbe dovuta giocare tra il 21 e il 22 dicembre. Il direttivo dell’ultimo campionato professionistico ha preso la decisione di scioperare come risposta nei confronti del governo. Il direttivo chiede al governo e al parlamento di prendere una decisione seria in merito al tema della defiscalizzazione. Campionato che riprenderà il 12 gennaio 2020 con la disputa della 2.a giornata, mentre il turno rinviato verrà recuperato a data da destinarsi.

Serie C, ecco il comunicato del presidente Ghirelli

Ecco le parole rilasciate dal presidente Francesco Ghirelli, insieme alle componenti massime del campionato di Serie C: “Il prossimo 21 e 22 dicembre la prima giornata di ritorno del campionato di Serie C non verrà disputata. Mercoledì 18 dicembre ci sarà l’assemblea convocata dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, in cui sarà presente la Figc e il tema di discussione sarà la defiscalizzazione per i club di Lega Pro”.

Il comunicato prosegue in merito anche al lavoro che stanno compiendo le squadre coinvolte nel campionato di Serie C: “Le società dei club di Serie C stanno lavorando per presentare progetti al Cipe, alla UE e a Sport e Salute. Si stanno adoperando per poter usufruire di nuove strutture e stanno compiendo sforzi dal punto di vista progettuale. Le società di Serie C stanno formando nuovi calciatori e preservano i ragazzi e le ragazze dalla strada. Da questo si deve partire per estendere la legge sull’apprendistato come fattore innovativo e cruciale”.

Ghirelli nel comunicato conclude: “Dal momento in cui non stiamo ricevendo risposte in merito alla questione, il campionato Serie C si ferma per il prossimo weekeend e riprenderà il 12 gennaio 2020. Quello che mi auguro è che il Governo ed il Parlamento diano le risposte necessarie di cui abbiamo necessità, il tempo è tanto per prendere una decisione”.

Fonte: tuttoc.com

 

  •   
  •  
  •  
  •