Atletico Madrid segue l’esempio del Barcellona: cassa integrazione per i calciatori

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

Ha fatto scalpore la decisone da parte di Barcellona ed Espanyol di mettere in cassa integrazione i propri calciatori, per fronteggiare la crisi economica dovuta al coronavirus. Ora anche l’Atletico Madrid ha voluto optare per la disoccupazione parziale dei calciatori, come confermato dal presidente dei colchoneros che in un lungo comunicato, ha ufficializzato la decisione. Eccone un’estratto:

“Una situazione così grave ci costringe a prendere decisioni complicate quanto necessarie per il bene dell’entità. Voglio ringraziare tutti coloro che lavorano nel club per i loro sforzi speciali in questi giorni difficili. Sfortunatamente e con l’unico obiettivo di garantire la sopravvivenza del club, siamo obbligati a richiedere ufficialmente l’apertura di un ERTE (cassa integrazione in Spagna), per quei professionisti che, a causa dello stato di allarme dichiarato nel nostro paese, non sono in grado di svolgere il proprio lavoro. Ciò riguarda sia giocatori, dipendenti e tecnici del nostro team. Stiamo lavorando per ridurre al minimo l’impatto della misura e limitarla a ciò che è strettamente necessario”. 

Il presidente ha precisato che tali decisioni sono necessarie per salvare l’Atletico Madrid in un momento veramente delicato. Decisione in linea con l’altro colosso del calcio spagnolo, il Barcellona. Anche il Real Madrid seguirà lo stesso esempio?

  •   
  •  
  •  
  •