Nicchi lancia l’allarme: “Serie A potrebbe ripartire senza la VAR”

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui

Nicchi lancia l’allarme: “Serie A potrebbe ripartire senza la VAR”. Il presidente dell’ AIA, Marcello Nicchi lancia un importante allarme, spiegando che per il VAR si usano ambienti angusti, e per questo motivo potrebbero non esserci le distanze di sicurezza.

Nicchi e l’allarme preoccupante: “Si rischia di iniziare senza VAR”

Ripartire per provare a portare a termine il campionato. I vertici del calcio italiano stanno lavorando al fine di trovare la soluzione più giusta per riuscire a concludere una stagione che è stata spezzata in due a causa dell’emergenza Coronavirus. In attesa di capire se, come e che in che tempi, la Serie A potrà finalmente esprimere i suoi verdetti, con assegnazione dello Scudetto e retrocessioni in Serie B, c’è chi, come Marcello Nicchi, ha evidenziato come tra i problemi da affrontare ci saranno anche quelli legati al mondo arbitrale.

Il numero uno dell’ AIA, ha spiegato come al momento è difficile pensare a come poter ripartire: “Sento parlare come se il campionato dovesse ricominciare domani, ma non ho sentito alcuna proposta seria riguardo alla classe arbitrale. Gli arbitri sono pronti, rispettando le disposizioni, lavorano in videoconferenza con i tecnici, ma prima di passare alla fase due c’è da preoccuparsi. Andrà analizzata ogni cosa, non possiamo mandare in campo gli arbitri allo sbaraglio. Prima di ripartire chiederò quali sono le garanzie offerte“.

Marcello Nicchi ha anche analizzato come la Serie A potrebbe ripartire senza l’ausilio della VAR: “C’è questo rischio e potremmo essere costretti a farlo. Oggi per il VAR si usano ambienti angusti, ci sono operatori che lavorano vicini ad altri e non si può sapere chi ha frequentato chi. Si corre il rischio che non ci siano le dovute distanze di sicurezza. Se non si dovesse ripartire con il VAR sarebbe perché siamo alle prese con una vera emergenza sanitaria“.

  •   
  •  
  •  
  •