Diego Fuser a SuperNews: “Il derby della Capitale il più bello di tutti. Il cuore è dalla parte della Lazio”

Pubblicato il autore: Luca Piedepalumbo Segui


In esclusiva ai microfoni di SuperNews è intervenuto Diego Fuser. L’ex calciatore, di ruolo centrocampista, ha collezionato più di 500 presenze con le maglie di Torino, Milan, Fiorentina, Lazio, Parma e Roma tra Serie A, Coppe nazionali e Coppe europee. La bacheca del classe ’68 è ricca di trofei prestigiosi, tra i quali spicca, in particolare, la Coppa dei Campioni conquistata con la maglia del Milan nel 1990 e la Coppa Uefa con quella del Parma nel 1999. L’ex centrocampista è stato protagonista anche con la Nazionale italiana, sotto la gestione di Arrigo Sacchi e Dino Zoff. In azzurro 25 presenze e 3 gol. Insieme a lui abbiamo ripercorso le tappe più importanti della sua lunga carriera, con uno sguardo rivolto al derby della Capitale in programma venerdì sera.

Sei cresciuto nelle giovanili del Torino ed hai esordito in Serie A con i granata appena maggiorenne nel derby contro la Juventus. Che ricordi hai del debutto e dell’inizio della tua carriera al Toro? 

“L’esperienza al Torino nasce già da bambino. Ho fatto tutta la trafila del settore giovanile fino ad arrivare in prima squadra. Esordire nel derby della Mole contro la Juventus è stato un sogno. Ho dei ricordi bellissimi di quel giorno. Riuscimmo a pareggiare con un’azione in cui partecipai anch’io, quindi andò molto bene. A mister Radice piacevano i calciatori giovani e talentuosi ed ha creduto fortemente in me. Lo ricordo con affetto, mi ha lanciato nel calcio dei grandi”.

Nella stagione 1989/90 passi al Milan, giocando al fianco di campioni del calibro di Baresi e Van Basten. In rossonero vinci praticamente tutto: dallo Scudetto alla Coppa dei Campioni. Quanto è stata importante l’avventura in rossonero per la tua carriera?

“L’esperienza al Milan è stata fondamentale per la mia crescita professionale. Ho vinto tutto ciò che si poteva vincere in quegli anni: lo Scudetto, la Coppa dei Campioni, la Supercoppa Europea e la Coppa Intercontinentale. Ho un ricordo bellissimo di quel periodo in rossonero. Ero in una grande società ed ho imparato tantissime cose che mi hanno aiutato anche successivamente. Ho giocato con tanti campioni ed ho avuto allenatori importanti come Sacchi e Capello. In particolare, Arrigo Sacchi in quegli anni rivoluzionò il calcio. E’ stato l’allenatore che mi ha trasmesso di più in assoluto”.

Archiviata l’esperienza al Milan sei passato alla Lazio di Dino Zoff. Con gli Aquilotti hai giocato 6 anni, collezionando 242 presenze e 42 gol e alzando da capitano la Coppa Italia nel 1998. Cosa ha rappresentato per te la Lazio e che ricordi hai dell’esperienza in biancoceleste?

Leggi anche:  Rivoluzione Toro, Nicola e Ventura gli uomini della promozione!

“Sono stati sei anni meravigliosi. Ho fatto parte di un progetto ambizioso. Quando sono arrivato alla Lazio il club era in fase di ricostruzione, c’erano tanti volti nuovi in squadra e il primo anno centrammo l’obiettivo della qualificazione in Coppa Uefa. Con i biancocelesti ho alzato la Coppa Italia da capitano, battendo in finale il Milan. La soddisfazione è stata immensa. Alla Lazio ho avuto anche Zeman. E’ stato un grande allenatore, poteva raccogliere di più rispetto a quanto fatto nel calcio italiano. Aveva delle idee particolari, ma davvero ottime”.

Dopo sei anni da protagonista alla Lazio, vieni ceduto al Parma del Presidente Tanzi. In tre stagioni raggiungi obiettivi importanti, conquistando anche la Coppa Uefa. Com’è stata la tua avventura in Emilia? 

“Al Parma ho trascorso gli anni più belli della mia carriera. Sono arrivato in Emilia a trent’anni, nel pieno della mia maturazione calcistica. Il Parma era una squadra fortissima e abbiamo raggiunto risultati straordinari. In gialloblu ho vinto oltre alla Coppa Italia e alla Supercoppa Italiana, anche la Coppa Uefa sotto la gestione Malesani nella stagione 1998/99. Una grande piazza, con una tifoseria molto calda. Quella di Parma è stata un’esperienza che porto nel cuore”.

Nel 2001 passi alla Roma dove ritrovi come allenatore Fabio Capello. La parentesi capitolina dura appena due anni, ma riesci comunque a mettere in bacheca una Supercoppa Italiana. Cosa ti ha spinto a lasciare il Parma per sposare la causa giallorossa? 

Leggi anche:  Inter, partita perfetta contro la Juventus con un Vidal ritrovato

“Dopo lo Scudetto vinto dalla Roma, mister Capello mi volle in squadra con l’idea di alternarmi a Cafù, soprattutto in vista della Coppa dei Campioni da disputare in quell’anno. Fu una buona occasione di lavoro che decisi di cogliere al volo. Il primo anno alla Roma è stato molto positivo, il secondo anno, invece, è stato particolarmente travagliato e non ho trovato grande continuità. Avrei potuto dare di più calcisticamente, ma la reputo comunque un’esperienza positiva”. 

Hai esordito con la Nazionale italiana nel 1993 in occasione di un’amichevole contro il Portogallo. In azzurro hai raccolto 25 presenze e siglato 3 gol, partecipando anche all’Europeo inglese del 1996. Quali sono le emozioni che si provano ad indossare la maglia dell’Italia? 

“Indossare la maglia della Nazionale è sempre stata una grande emozione. Ascoltare l’inno prima della partita ti mette i brividi. Sono sensazioni uniche. Ho partecipato a competizioni importanti come l’Europeo del 1996 ma ho avuto anche tanta sfortuna nei momenti cruciali. Ho saltato per infortunio i Mondiali del 1994 e l’Europeo del 2000. Sono stato sfortunato, ma giocare in Nazionale è stato comunque fantastico”.

Hai messo a segno più di 100 gol in carriera: qual è la rete alla quale sei particolarmente affezionato?

“Ho fatto tanti gol importanti, decidendo anche diverse partite. Il gol che ricordo con maggiore affetto è quello siglato in rovesciata contro il Cagliari con la maglia della Lazio dopo un assist di Paul Gascoigne”.

Sei stato compagno di squadra di tantissimi campioni di fama mondiale. Chi ti ha impressionato di più nel corso della tua carriera?

Leggi anche:  Torino Pulgar, il centrocampista della Fiorentina piace a tanti club: granata in pole

“Ho giocato con tantissimi grandi calciatori, davvero molto molto forti. Indicarne uno soltanto non è possibile, farei un torto a tutti gli altri. Anche loro però hanno giocato con me. Ad alcuni ho fatto fare davvero tanti gol (ride ndr)”.

Hai giocato fino alla veneranda età di 44 anni, chiudendo la carriera nelle serie minori del calcio italiano. Hai fatto coppia con Lentini al Canelli ed hai svolto il ruolo di “giocatore-allenatore” alla Nicese. Che ricordi hai degli anni tra Serie D, Eccellenza e Promozione?

“Mi sono divertito tanto. Era un’esperienza da fare. Bisogna provare un po’ tutto nella vita. Era, ovviamente, un altro tipo di calcio, però mi è servito anche questo. Ho dei bellissimi ricordi dei campionati minori”.

Venerdì sera ci sarà il derby tra Roma e Lazio. Come valuti il campionato delle due squadre? Da doppio ex farai il tifo per qualcuna delle due? 

“La Roma finora ha avuto maggiore continuità rispetto alla Lazio in campionato. La Lazio è comunque una squadra di pari livello, non ha niente da invidiare ai giallorossi. Sono due squadre forti e giocano entrambe molto bene. Il derby è sempre una partita particolare, difficile fare un pronostico. Ho disputato tanti derby da calciatore. E’ sempre stata un’emozione forte, con lo stadio pieno e due tifoserie molto calorose. Il derby della Capitale è sempre stato il più bello da giocare. Alla Lazio ho giocato sei anni e sono stato sempre protagonista, togliendomi soddisfazioni importanti. Alla Roma sicuramente è andata diversamente per me. Inevitabilmente il cuore è dalla parte dei biancocelesti. E’ normale che sia così”.

 

  •   
  •  
  •  
  •