Juventus, Cobolli Gigli durissimo con la dirigenza: “Non hanno capacità: Nedved senza stile, Paratici via con Ronaldo”

Pubblicato il autore: Rudy Galetti Segui

L’ex presidente bianconero Cobolli Gigli, nel day after di Juventus-Porto, ha parlato ai microfoni di Radio Punto Nuovo, attaccando duramente l’operato del club in tema di strategie di mercato: “La Juventus mi ha cancellato dalla memoria, fa opera di convincimento per non farmi chiamare dagli operatori dell’informazione. Da presidente della Juve, mi sono trovato in una situazione difficile e parlo da azionista bianconero con ben 50 azioni. Sono cavoli della Juventus se vendere o meno Ronaldo, ma vale un milione a gol: deve partire una revisione critica che deve partire da Agnelli che non ha una qualità eccelsa di collaboratori“.

Juventus, Cobolli Gigli attacca duramente Nedved e Paratici

L’ex numero 1 della Juventus non ha utilizzato mezzi termini parlando dei principali collaboratori del Presidente Agnelli, Nedved e Paratici: “Nedved che scalcia i cartelloni? L’ho conosciuto come grande campione, ma non ha la capacità di fare il vicepresidente della Juventus. Ci dovrebbe essere un ripensamento del suo ruolo. Senza scudetto, continuerei con Pirlo per dargli la possibilità di maturare, ma una delle cose che non mi è piaciuta di Nedved è stata la sua assenza di addio di Allegri. Lo giustificò per motivi di lavoro all’estero, il giorno dopo, però, era in Italia. Mi risulta avessero litigato ma è una totale assenza di stile Juventus da parte di Nedved. La Juve che ricordo io è quella che insisteva sulle scelte fatte. Libererei Ronaldo ma anche Paratici: chissà se è una posizione data da Agnelli è stata quella di promuoverlo per rimuoverlo. Potrebbe essere questo lo scenario dopo i recenti processi interni“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  "Non è facile provare che sia stato un affare fittizio"
Tags: