Il Milan ci prova, Pogba la risolve. Red devils avanti, diavoli rossoneri fuori

Pubblicato il autore: Montrosset Marc Segui


La qualità ha la meglio sulla grinta e l’orgoglio. Si può riassumere così la vittoria del Manchester United ai danni dei rossoneri del Milan. Qualità che appunto ci ha messo Pogba, in occasione del gol decisivo che promuove i red devils ai quarti di finale di Europa League. Gli uomini di Stefano Pioli nonostante ciò, nell’economia di queste 2 partite hanno provato a dire la loro. È però a loro mancata la precisione, la cattiveria ed un pizzico di fortuna in alcune circostanze. Il doppio confronto recita 2-1 per lo United, con un pareggio casalingo ad Old trafford per 1-1 ed una vittoria di misura per 1-0 a San Siro.

Ora si guarda al futuro in casa Milan, con la consapevolezza di aver saputo tenere testa per larghi tratti agli inglesi, nettamente favoriti. Ieri sera la differenza l’ha fatta però la panchina. Stefano Piolo, e Ole Gunnar Solksjaer, ieri sera hanno entrambi potuto beneficiare del recupero di 2 dei loro uomini chiave. Vale a dire Zlatan Ibrahimovic e Paul Pogba. Entrambi non avevano 90 minuti nelle gambe, ed allora i 2 rispettivi mister hanno fatto partire i propri campioni dalla panchina. La differenza tra le 2 squadra, nel corso del match, è passata appunto da quì. Ibrahimovic è entrato e metà ripresa per dare il necessario cambio di passo alla propria squadra. Il Milan allora ha iniziato ad affidarsi maggiormente alle palle lunghe.

Leggi anche:  Serie A, Fiorentina-Sampdoria 3-1: tris dei Viola al Franchi

Lo svedese ha cercato di creare confusione in area, ma si è reso pericoloso solamente in una circostanza (colpo di testa respinto da Henderson). Per il resto Zlatan non ha mai saputo fare la differenza come si credeva. Differenza che invece ha saputo fare il centrocampista ex-Juve Paul Pogba. Entrato ad inizio secondo tempo, con il francese in campo, la partita è cambiata. I red devils hanno iniziato a prendere il mano il pallino del gioco e a controllare la partita. Oltre a questo, la “piovra” non ha fatto mancare il proprio contributo in fase di non possesso e soprattutto ha trovato la rete del vantaggio ospite. Rete di tecnica, furbizia, eleganza, e controllo. C’è tutto questo nel gol che manda avanti gli inglesi e certifica l’ennesima uscita stagionale di una squadra italiana in Europa.

Leggi anche:  Serie A, gli anticipi della 15ª giornata: i commenti in breve dagli spogliatoi

La cronaca del match

I 2 tecnici Stefano Pioli e Ole Gunnar Solksjaer, forti dei recuperi dei loro 2 rispettivi campioni, Zlatan Ibrahimovic e Paul Pogba schierano le proprie squadre a specchio. Le 2 compagini infatti iniziano entrambe il match con un collaudato 4-2-3-1 ed entrambe adoperando il falso nueve. Da una parte Castillejo, e dall’altra Greenwod. In mezzo al campo, Pioli si affida alla fisicità e sceglie Meité e Kessie. Solksjaer mette anche la tecnica e affida le redini del gioco a Fred e Mc Tominiay. Primo tempo equilibrato con il Milan che tiene maggiormente la passa rispetto agli avversi. Tuttavia, le occasioni da gol, da entrambe le parti, scarseggiano. Da segnalare solamente una girata al volo di Krunic di poco a lato. Nelle ripresa, con l’ingresso di Pogba, la partita cambia.

Il francese, entrato al posto di un deludente Rashford, si posiziona sulla fascia sinistra e dopo 3 minuti i red Devils sbloccano la partita: Al termine di un’azione insistita, Meité non riesce a liberare l’area e colpisce in pieno Paul Pogba all’interno dell’area piccola. Quest’ultimo controlla in area, e dopo una pregevole finta scaraventa il pallone sotto la traversa. Il Manchester United è avanti 1-0 e il Milan ha bisogno almeno di un gol per pareggiare i conti. Stefano Pioli allora, nel momento di difficoltà, butta nella mischia Zlatan Ibrahimovic. Entrato al 65°, lo svedese si posiziona come prima punta e sostituisce un deludente Castillejo. La squadra rossonera allora si affida ai lanci lunghi, ma con scarsi risultati. La parata di Henderson sul colpo di testa di Ibra di fatto è l’unica vera occasione da gol per la squadra locale. I rossoneri nel finale ci provano, ma la retroguardia ospite chiude tutti gli spazi e non concede nulla agli avversari.

Leggi anche:  Pallone d'Oro a Messi, i complimenti di Pelè e le critiche di Casillas

Formazione Milan (4-2-3-1): Donnarumma; Kalulu (dal 65° Dalot), Tomori, Kjaer, Theo Hernandez; Kessie, Meité; Krunic (dal 72° Brahim Diaz ), Calhanoglu, Saelemaekers; Castillejo ( dal 65° Ibrahimovic)
Formazione Manchester United (4-2-3-1): Henderson; Wan-Bissaka, Lindelof, Maguire, Shaw; McTominay, Fred; D. James, Bruno fernandes, Rashford (dal 46° Pogba); Greenwood.

  •   
  •  
  •  
  •