Serbia-Portogallo, Ronaldo a rischio squalifica dopo le proteste

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui


Cristiano Ronaldo
, in seguito alle proteste durante la gara Serbia-Portogallo, valida per le qualificazioni ai prossimi Mondiali 2022, rischia una squalifica. A riportare l’indiscrezione è il quotidiano sportivo Iusport. La possibile squalifica dovrebbe essere decisa dalla Fifa.

Serbia-Portogallo, Ronaldo ha violato l’articolo 11

L’attaccante della Juventus, è stato protagonista del gol della vittoria contro la Serbia nei minuti di recupero. L’arbitro e il guardalinee non si rendono conto che il pallone ha oltrepassato la linea di mezzo metro, quindi non concedono il gol. Il capitano del Portogallo diventa furioso, sbotta, così viene ammonito. A quel punto, CR7 lascia il campo gettando a terra la fascia da capitano. La rabbia del giocatore nasce non solo dall’errore, ma soprattutto dal fatto che quei punti persi sono importanti al fine delle qualificazioni ai prossimi Mondiali. Purtroppo, la reazione dell’ex Real Madrid non passa inosservata e, molto probabilmente, neanche la Fifa potrà sorvolare sul gesto. Secondo Iusport, Ronaldo avrebbe violato l’articolo 11 del Codice Disciplinare Fifa, relativo “ai comportamenti offensivi o violazione dei principi del fair play“. Dal Portogallo fanno sapere che Ronaldo ha violato “lo Statuto FIFA e i regolamenti, le direttive Fifa , linee guida, circolari e decisioni, e devono inoltre rispettare i principi di correttezza, lealtà e integrità”. Punti essenziali, comportamenti importanti da rispettare sul campo di gioco. La Fifa potrebbe decidere di squalificare Cristiano Ronaldo che, oltre al danno, il risultato della gara, potrebbe ricevere la beffa: la squalifica.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Coman rientra al Bayern dopo l'intervento al cuore