Antognoni: "Resto legatissimo alla Fiorentina, ma forse è meglio che ne resti fuori"

Nessuna polemica, ma soltanto tanto amore per la sua Fiorentina. Giancarlo Antognoni si conferma legatissimo a Firenze ed alla Viola e confessa il suo grande affetto anche nel giorno in cui 42 anni fa rischiò di morire sul rettangolo di gioco. Le sue parole.

Giancarlo Antognoni, da molto tempo bandiera e uomo simbolo della Fiorentina, è stato ospite di TMW Radio e della trasmissione Maracanà. Oggi sono 42 anni dal 22 novembre 1981, giorno in cui il 10 viola fu vittima di un gravissimo infortunio, nel quale rischiò anche di morire.

Giancarlo Antognoni: "Amo Firenze e la Fiorentina"

Antognoni ha raccontato come la data di oggi sia molto importante per lui (per quanto scritto sopra), ma ritiene che nella vita le cose positive e quelle negative si compensino.

Leggi anche:  Europeo, dal 1980 ad oggi: quanto conta vincere il girone per alzare il trofeo? Quasi la metà delle vincitrici non è arrivata prima nel proprio raggruppamento

Il rapporto con Firenze e con la Fiorentina resta strettissimo. Quindi non prenderebbe decisioni diverse se tornasse indietro nel tempo, anche se ha vinto più da dirigente che da calciatore della Viola.

Ha affermato che stare fuori dalla società in questo momento lo disturba un pochino, ma a causa di incomprensioni ed altre situazioni forse è meglio restare separati. Soprattutto alla sua età, stare un po' fuori dai giochi non può che far bene anche a lui.

Antognoni ha chiuso l'intervista confermando che segue sempre tantissimo la Fiorentina.