Milan, la Champions League non è più solo un sogno

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui


Questo Milan è bello da vedere ed è un piacere guardare Gattuso “agitarsi” in panchina. Il comportamento adottato dal tecnico milanista denota grandissimo interesse verso un progetto che lo vede protagonista e che potrebbe regalare soddisfazioni ai tanti tifosi rossoneri che ora iniziano a crederci veramente: il quarto posto non è più così lontano. Il 2018 non ha ancora portato sconfitte per il Milan, segno che Gattuso ha trovato un equilibrio difensivo che prima mancava e che ora la squadra è finalmente diventata un gruppo di giocatori uniti verso un unico obiettivo: tentare l’assalto all’Europa che conta. La cosa è fattibile in due modi: primo dato, davanti al Milan le squadre non stanno correndo, con la Roma che spesso inciampa, l’Inter che fatica a trovare la continuità, la Lazio che qualche volta potrebbe avere dei problemi. Insomma il quarto posto potrebbe essere alla portata, cosa impensabile solo a metà dicembre. Punto secondo, vincere l’Europa League consentirebbe l’accesso diretto alla Champions, ed un potenziale successo in una competizione continentale garantirebbe al Milan una ritrovata notorietà, nonché una risalita anche per quanto riguarda il ranking.

Leggi anche:  Liverpool-Atalanta 0-2: spettacolo della Dea

Da ciò che si è visto, l’Arsenal, ovvero il prossimo avversario dei rossoneri in Europa League si è dimostrata una squadra tutt’altro che irresistibile, soprattutto nel turno precedente quando giovedì ha perso in casa contro l’Orstensund, compagine svedese non proprio fortissima tecnicamente. A parte qualche scoglio, il Milan ha tutte le carte in regola per giocarsi l’Europa League e sarebbe una grande soddisfazione, soprattutto per Gattuso, approdato sulla panchina rossonera come traghettatore, senza sapere che avrebbe ridato un’anima al diavolo in così poco tempo. Rino sa come si fa, ne ha giocate tante di partite di coppa, trionfando ovunque, tra Milan e Nazionale. La storia potrebbe ripetersi, riportando il club 7 volte campione d’Europa nuovamente a vedere la luce ed a respirare il profumo delle competizioni continentali.

  •   
  •  
  •  
  •