Napoli-Barcellona 1-1: impresa ancora possibile per i partenopei?

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui

Il match Napoli-Barcellona, valido per l’andata degli ottavi di Champions League, si è concluso sul risultato di 1-1: al gol di Mertens, segnato nel primo tempo, ha risposto quello di Antoine Griezmann, segnando la sua seconda rete in questa competizione con la maglia blaugrana. Il Napoli è riuscito a contenere la squadra catalana e ha avuto anche l’occasione di segnare la seconda rete e chiudere il match con una vittoria.

Napoli-Barcellona 1-1: rammarico per gli azzurri

Il Napoli è riuscito a contenere il Barcellona e ha costretto la squadra catalana a un pareggio per 1-1. Eppure, gli azzurri hanno di che rammaricarsi visto l’andamento della gara: la partita è stata impostata in maniera impeccabile da parte di Gennaro Gattuso che è riuscito a chiudere tutti gli spazi al Barcellona, concedendo un solo tiro in porta (risultato decisivo) alla compagine di Setien. Sembra strano come solo due mesi fa si pensava a questa partita come a una battaglia impossibile da affrontare, si pensava a un Barcellona corsaro al San Paolo e un Napoli pronto a raccogliere il pallone dalla propria porta più e più volte. Invece, il Napoli ha giocato una partita praticamente perfetta, concedendo il possesso palla al Barcellona (64%), non pressando i due difensori centrali Piquè e Umtiti, ma chiudendo tutti gli spazi e lasciando ai blaugrana un semplice giro palla sterile. Purtroppo per gli azzurri, il gol di Griezmann è arrivato sull’unico errore difensivo della partita e con giocatori fenomenali come questi ogni errore si paga a caro prezzo. I partenopei, dal canto loro, hanno avuto due palle limpide sul risultato di 1-1 per portarsi in vantaggio: nel giro di due minuti, al 61′ e al 63′, prima Insigne conclude in porta invece di servire Milik tutto solo in area, mentre due minuti più tardi è Callejon, servito da Milik, a trovarsi a tu per tu con Ter Stegen e a non trovare la porta calciando addosso al portiere tedesco. Con questo risultato non sarà per niente facile trovare la qualificazione ai quarti, ma gli azzurri ce la metteranno tutta per riuscire nell’impresa.

Leggi anche:  Arriva la bomba: "Cavani è infelice". Ecco le tre squadre su di lui

Sarà davvero così impossibile l’impresa al Camp Nou?

Il 18 marzo al Camp Nou andrà in scena la sfida di ritorno degli ottavi tra Napoli e Barcellona: gli uomini di Gattuso hanno qualche possibilità di tentare l’impresa? Nella conferenza stampa post partita, il tecnico del Napoli, ha scherzato dicendo come gli azzurri andranno a Barcellona per giocarsela: “Non faccio passare una sconfitta a carte, figuriamoci una gara di ottavi di Champions. Compreremo l’elmetto e andremo a giocarcela.” Con queste parole, Gattuso ha voluto caricare i suoi ragazzi in vista del match di ritorno. In favore del Napoli, c’è la situazione abbastanza critica in casa blaugrana: con l’ammonizione di ieri di Busquets (diffidato) e l’espulsione di Vidal, Setien avrà a disposizione pochissimi uomini per la gara del 18 marzo. Oltre ai lungodegenti Suarez e Dembelè, il tecnico dei catalani dovrà valutare anche le condizioni di Jordi Alba, Sergi Roberto (indisponibili per il match di ieri sera) e Piquè, uscito nel finale per un infortunio alla caviglia. Nonostante questi problemi, il Barcellona in casa questa stagione ha ottenuto tutte vittorie e soltanto due pareggi, entrambi per 0-0 (contro Real Madrid e Slavia Praga), risultato inutile per il Napoli ai fini della qualificazione. Inoltre, il Barcellona non perde in casa in Champions League da ben sette anni: sconfitta per 0-3 contro il Bayern Monaco nella semifinale dell’edizione 2012-2013. Il Napoli si aggrapperà alla speranza e chissà se Manolas non avrà ancora voglia di rovinare i piani della squadra catalana.

  •   
  •  
  •  
  •