Accadde oggi: un anno fa la clamorosa rimonta del Liverpool contro il Barcellona

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui

Diciamocelo chiaramente: il calcio ci manca. Ci mancano le mille emozioni che questo sport ci fa provare: ci mancano l’adrenalina e l’ansia prepartita, ci manca esultare per un gol del nostro beniamino e ci manca perfino disperarci per una sconfitta della nostra squadra del cuore. E ci mancano, soprattutto, le emozioni delle notti magiche di Champions League. E notte magica fu, per i tifosi del Liverpool, quella del 7 maggio 2019: all’Anfield Road arrivava il Barcellona per disputare la semifinale di ritorno della Champions League. L’andata si concluse con il risultato di 3-0 per gli spagnoli grazie a una prestazione perfetta del campione argentino Leo Messi e la gara di Anfield sembrava dover essere solo una formalità per i catalani, con la testa già alla finale di Madrid. Eppure, quella notte, gli dei del calcio decisero che c’era un’altra pagina di storia da scrivere e decisero di scriverla in lingua inglese.

7 maggio 2019: il Liverpool surclassa il Barcellona

La partita del Camp Nou aveva confermato la superiorità del Barcellona e di Leo Messi: grazie a una doppietta della Pulce, i blaugrana vinsero la semifinale d’andata di Champions League 3-0, distruggendo (quasi) tutte le speranze del Liverpool. Sei giorni dopo, si gioca il ritorno ad Anfield e il tecnico dei Reds, Jurgen Klopp, deve fare a meno di Salah e Firmino, due dei giocatori più talentuosi della rosa. Il Liverpool sembra spacciato, una rimonta sembra impossibile. Prima dell’inizio del match, alla lettura delle formazioni ufficiali, si nota qualcosa: Valverde schiera gli stessi undici dell’andata, mentre Klopp inserisce Shaqiri e Origi al posto di Salah e Firmino, Henderson al posto di Keita (anche lui infortunato) e, soprattutto, Alexander-Arnold al posto di Gomez.
La partita inizia subito con il botto per i ragazzi di Jurgen Klopp: dopo soli 7 minuti, il Liverpool è già in vantaggio grazie a una rete di Origi. Il primo tempo si conclude sul risultato di 1-0 grazie anche alle parate dei due portieri, Ter Stegen e Alisson. A inizio ripresa, un altro infortunio mette in crisi i piani dei Reds: il terzino Robertson è costretto a uscire dal campo e Klopp decide di sostituirlo con Wijnaldum. Segno del destino? Sembra proprio così, visto che è l’olandese a firmare una doppietta nel giro di due minuti, un uno-due che ristabilisce la parità nel punteggio complessivo. Il Barcellona è scosso e disorientato e l’immagine della serata disastrosa per i blaugrana si manifesta al minuto 79: difesa impreparata su un calcio d’angolo battuto in fretta da Alexander-Arnold che trova tutto solo in area Origi, che deve solo buttarla in porta: la clamorosa rimonta è completata.
La famosa remuntada spagnola è stata sostituita dal comeback inglese. Sta di fatto che il Liverpool surclassa il Barcellona e in finale se la vedrà con l’altra inglese, il Tottenham, autore di un’altra magnifica rimonta in semifinale contro l’Ajax. Grazie a queste due semifinali magnifiche e grazie alle tante partite al cardiopalma viste nel corso della competizione, la Champions League 2018/2019 è stata una delle più emozionanti degli ultimi anni. E non vediamo l’ora di poter tornare a vivere queste emozioni tutti insieme.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •