Sarri: “Non si può fare di più”

Pubblicato il autore: Desiree Capozio Segui


E mentre a Napoli tra fuochi d’artificio e cori si festeggia la Coppa Italia, a Torino sale la preoccupazione per la Juventus di Sarri, che sembra star attraversando il periodo peggiore degli ultimi anni. La sconfitta ai rigori di ieri sera che è costata ai bianconeri la Coppa Italia, non è che la punta di uno spaventoso iceberg, fatto di sconfitte, pareggi, zero goal e prestazioni decisamente ben al di sotto degli standard.

Ma cosa sta succedendo in casa Juve? Un arrabbiato e deluso Sarri ha parlato così ai microfoni Rai nel post partita:

“C’è delusione per la società, i ragazzi e i tifosi ma in questo momento non possiamo esprimere molto di più sia per la condizione che per qualche assenza, abbiamo fatto scelte diverse rispetto al solito per aver maggior tenuta perché la condizione non è ottimale. La partita l’abbiamo fatta con buoni livelli di applicazione, ci manca brillantezza per rendere la mole di gioco pericolosa. Abbiamo difficoltà, saltiamo meno l’uomo rispetto al solito, abbiamo una squadra costruita sulle individualità e sono individualità in grado di saltare l’uomo. Buona applicazione, tanta rabbia e delusione. Manca cattiveria? Non penso, siamo stati applicati e concentrati per 90 minuti senza determinazione non ci riusciremmo. Il problema credo sia di caratteristiche, sono calciatori abiatuati a saltare l’uomo e in questo momento facciamo più fatica. Zero goal? Fatto inedito che penso sia caratteristico di questo periodo e di questa mancanza di brillantezza”

Su Ronaldo, ancora una volta, il tecnico non si dice preoccupato:

“L’ho visto come gli altri a livello di condizione ma come a Paulo e Douglas manca brillantezza per fare le cose per cui è uno specialista nella maniera migliore. Può succedere, anzi, ritengo sia normale che succeda”

Alla squadra, invece, ammette di aver detto poco e niente:

“Che ho detto ai giocatori? Poco. Ero arrabbiato e deluso come loro. In questi momenti è meglio stare in silenzio. Ne parleremo meglio domani mattina”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Juventus, mercato ancora aperto: Tolisso il vero affare di gennaio