Atalanta, difesa affidata a Palomino. Operazione riscatto per raggiungere la finale

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

L’Atalanta mercoledì contro il Napoli dovrà fare a meno del “Cuti” Romero: un pezzo importante della difesa orobica che, in poco tempo, è riuscito a portare stabilità all’intero reparto. Con l’assenza dell’argentino, le chiavi della difesa verranno affidate a José Luis Palomino. L’attuale numero 6 sta disputando una stagione con tanti bassi e pochissimi alti tra campionato e coppa: errori che sono il segno di una completa involuzione dopo tre anni, tutto sommato, sufficienti. La semifinale di Coppa Italia è una tappa che non si può sbagliare, specialmente per un giocatore che ha bisogno di un riscatto.

Il bello e cattivo tempo, poi un calo costante (per Palomino operazione riscatto mercoledì) – Da quando è alla corte atalantina, Palomino è sempre stato un difensore tanto altalenante quanto decisivo sia in positivo che in negativo: quel giocatore dove la distanza tra una prestazione perfetta e una gravemente insufficiente era brevissima (mai una via di mezzo). In questa stagione il suo rendimento è stato al di sotto delle aspettative, compiendo errori grossolani: specialmente gli ultimi contro Udinese (mancata marcatura su Pereyra)  e Torino (fallo su Belotti). La difesa si consolida come un reparto che necessità di stabilità, e se tutto passa nelle mani dell’argentino la situazione si fa molto più dura. Con Caldara non ancora pronto e un Sutalo che non gioca, l’argentino rimane l’unica carta da pescare nel mazzo di Gasperini. In un contesto dove Romero sarà assente per squalifica, Palomino dovrà disputare una gara all’insegna del riscatto: nella speranza che il suo contributo possa risultare importante per l’Atalanta ai fini del raggiungimento di quella finale tanto desiderata.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Champions League, dove vedere Atalanta-Villarreal: streaming e diretta tv Sky o Amazon Prime?
Tags: