Conte Agnelli, la ricostruzione dello scontro: dito medio del tecnico nell’intervallo, poi gli insulti del presidente bianconero (VIDEO)

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


CONTE AGNELLI, UNO SCONTRO LUNGO SETTE ANNI: LA RICOSTRUZIONE DEI FATTI – C’eravamo tanti amati, direbbe qualcuno. Ora, che tra Juventus e Inter non scorra buon sangue, soprattutto da Calciopoli in avanti, è cosa risaputa. Ma ieri sera, i rappresentanti delle due squadre hanno dato vita ad uno show che ha indignato molti addetti ai lavori, con un diverbio avvenuto durante la partita ed accesosi ancora di più nel dopo-partita. Agnelli e Conte si sono sfidati, con la panchina e la tribuna bianconera che hanno preso di mira il grande ex capitano ritenuto traditore, e non sono certo volate carezze: al massimo, dita alzate e insulti pesanti. Ecco la ricostruzione dei fatti con le immagini raccolte.

Juventus-Inter, scontro Conte Agnelli: ecco cosa è successo (FOTO e VIDEO)

Le origini dello scontro sono situate lontanissimo nel tempo, nell’anno della discordia 2014. Conte, dopo aver vinto il terzo Scudetto sulla panchina bianconera, abbandona il ritiro dei Campioni d’Italia dopo tre giorni dall’inizio dello stesso, con annesso furioso litigio col presidente Agnelli. Da lì, non sono mai mancate parole rispettose dell’uno verso l’altro e viceversa, anche nel 2019 quando il presidente della Juve scelse Sarri e non Conte ma non nascose la sua ammirazione per il tecnico pugliese, colui che ha riportato in alto la Signora.

Leggi anche:  Juventus, ci sarà una rivoluzione: addio ad Agnelli, Lippi alla presidenza


Ieri, però, è esploso tutto l’astio che intercorreva da tempo tra i due. Al 10′ minuto, Conte invoca un calcio di rigore su Lautaro (assolutamente inesistente) e inveisce contro l’arbitro, mentre Bonucci chiama il suo ex allenatore e lo invita a “rispettare i direttori di gara”. Da quel momento, pare che dalla panchina della Juventus siano iniziati ad alzarsi insulti e/o frecciatine ad Antonio Conte, che in tutta risposta ha alzato il dito medio nei loro confronti al termine del primo tempo:

Da qui, però, Andrea Agnelli, che finora era stato abbastanza tranquillo al suo posto, non ci ha visto più: attende il fischio finale, soffre in tribuna, conquista la ventesima finale di Coppa Italia nella storia della Juventus (la settima della sua presidenza) e si lascia andare ad un “Vaffa…“, condito da “Stai zitto, Antonio, cogl…“.

Insomma, sono volate parola durissime, con un acceso diverbio tra i due che ha lasciato strascichi anche nel post-partita. Conte, intervistato da Paolo Paganini durante la diretta su RaiSport, ha commentato così lo scontro con Agnelli e la veridicità delle fonti dalle quali la Rai aveva attinto: “Le fonti Juventus dovrebbero dire la verità. Penso che il quarto uomo abbia visto cos’è successo per tutta la partita: bisognerebbe essere più educati secondo me“. Ecco, “essere più educati”: la Juventus, in tutta risposta, risponde su Twitter con una frecciatina velenosa e ben studiata:

Educatissima, questa volta, la Juventus. Che in ogni caso, al di là di ogni polemica, ha ottenuto la finale di Coppa Italia. La ventesima della sua storia, la seconda consecutiva, la settima da quando Agnelli è al comando, la prima per Andrea Pirlo che punta subito ad entrare nella storia bianconera.

  •   
  •  
  •  
  •