Europa League: la Lazio domina il Marsiglia. I biancocelesti si aggiudicano il derby con Garcia e ipotecano la qualificazione

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Lazio – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Vittoria di prestigio ed assai confortante per la Lazio che si impone magistralmente, per 1-3, in casa dell’Olympique Marsiglia. L’OM allenato dall’ex giallorosso Rudi Garcia e che in campo può vantare la presenza di un altro ex romanista, ossia Kevin Strootman, è costretto ad alzare bandiera bianca dinnanzi all’organizzazione tattica, all’impegno sfoderato e alla grinta messa in mostra dagli uomini guidati sapientemente da Simone Inzaghi. I biancocelesti pur consapevoli di affrontare un avversario di valore, quarto in classifica in Ligue 1 e finalista nella scorsa edizione di Europa League, non hanno dato vita a barricate o ad atteggiamenti particolarmente difensivisti. La Lazio ha evidenziato l’ottimo stato di salute, fortificato dalle due vittorie consecutive rimediate in campionato al cospetto di Fiorentina e Parma.

Inoltre, Simone Inzaghi, effettuando pochi cambi di formazione, ha fornito la sensazione di volersela giocare in maniera competitiva, rispettando l’avversario ma mettendo nel mirino l’intera posta in palio. Il gol siglato da Wallace al 10′ è stato lo specchio di una squadra, quella capitolina, che sin da subito ha aggredito l’Olympique Marsiglia, lanciando il guanto di sfida con determinazione e sfrontatezza. A seguire il palo colpito da Immobile ed una difesa che ha tenuto a bada i tentativi offensivi imbastiti da Payet e Mitroglou.

Nella ripresa l’ottimo feeling tra Immobile e Caicedo è andato in scena al 59′ quando il centravanti di Torre Annunziata ha innescato l’attaccante ecuadoregno, il quale a tu per tu con Mandanda non ha gettato alle ortiche l’opportunità di mettere a segno il suo secondo gol stagionale. I capitolini, da lì in avanti, hanno palesato un atteggiamento da grande squadra, consapevoli della propria forza e delle capacità di poter espugnare un terreno di gioco particolarmente ostico, quale è il “Velodrome“.

All’86’ Payet ha provato a riaprire i giochi attraverso una punizione che si è insaccata alle spalle di un incerto Strakosha, ma quattro minuti più tardi, al 90′, il neo entrato Marusic ha spento sul nascere qualsiasi velleità di rimonta dei transalpini, realizzando un gol da cineteca, con un tiro a giro, sotto l’incrocio, sfoderato dal limite dell’area. La Lazio, così, mette in cassaforte la vittoria e può godersi un successo meritato e convincente.

A seguito del concomitante trionfo dell’Eintracht Francoforte ai danni dell’Apollon Limassol con il punteggio di 2-0, la classifica del girone H è ben delineata: in testa vi è l’Eintracht con 9 punti all’attivo, Lazio seconda a quota 6, chiudono il raggruppamento Olympique Marsiglia ed Apollon Limassol, entrambe appaiate a 1. Il discorso qualificazione ai sedicesimi di Europa League potrebbe chiudersi già il prossimo 8 novembre quando l’OM sarà di scena all'”Olimpico“. In caso di vittoria da parte della Lazio, le successive sfide contro Apollon Limassol ed Eintracht Francoforte saranno utili solo per contendersi il primo o il secondo posto nel raggruppamento. Il successo al “Velodrome” ha un sapore speciale, ossia di un trionfo che dona ulteriore ottimismo ed autostima ad un gruppo in ascesa.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: