Portogallo – Francia, le dichiarazioni dei protagonisti nel postpartita

Pubblicato il autore: Masi Vittorio Segui

Flag_of_Portugal_and_France.svg_-1024x682

Portogallo campione d’Europa. E’ questo il verdetto della finalissima di Parigi, conclusasi con il risultato di 1-0 per i lusitani, con il goal di Eder a pochi minuti dallo scadere del secondo tempo supplementare. Seppur orfani della loro stella, Cristiano Ronaldo, infortunatosi dopo neanche un quarto d’oro dal fischio d’inizio, gli uomini di Fernando Santos sono riusciti ad imporsi contro i padroni di casa.

Queste le parole dei protagonisti:

Fernando Santos: “È stata una conquista importante per tutto il Portogallo, siamo felicissimi. Ringrazio Dio per averci sempre accompagnato, mando un bacio enorme a mia moglie, a mia madre e a tutta la mia famiglia e tutte le persone che mi sono state vicine. Sulla partita, Cristiano Ronaldo è stato un esempio fantastico per tutti, sia in campo che fuori. Tra tutti i compagni c’è stato uno spirito incredibile, siamo arrivati a una finale meritata. Il futuro? Difficile pensarci adesso, ma ringrazio comunque tutti quelli che hanno contributo a questa impresa“.

Pepe: “È stato difficile perché abbiamo perso il miglior giocatore, quello che conta più di tutti perché fa gol e la differenza, ma Dio ci ha aiutato e siamo stati gloriosi sul campo. Abbiamo lottato in maniera molto dura, tutti i portoghesi sono stati dietro di noi. E’ un momento fantastico. Ci sono molti giovani che stanno per arrivare, possiamo essere tra i migliori al mondo, la federazione ha lavorato molto su di noi. Oggi abbiamo scritto una nuova pagina della storia, stiamo crescendo, rispettiamo i nostri avversari ma continuiamo a lottare con molto sacrificio“.

Cristiano Ronaldo: “Sono veramente contento, volevo arrivare a questo sin dal 2004. Ho avuto un’altra chance, i portoghesi lo meritavano, i nostri giocatori anche. Ho sempre creduto che questi giocatori, con la strategia del tecnico, erano davvero forti. In carriera volevo vincere qualcosa con il Portogallo, ci sono riuscito. Voglio ringraziare tutti, è un momento unico, indimenticabile“.

Eder
: “È stato un momento spettacolare, ma tutta la squadra ha lavorato tanto. Abbiamo lottato con una forza incredibile, tutti devono essere ringraziati per il loro lavoro e anche il pubblico che ci ha seguiti. Sono felicissimo, è stata una notte incredibile. Fin dal primo giorno abbiamo avuto questi sogno, il gruppo è forte e i nostri sforzi sono stati ripagati. L’infortunio di Cristiano Ronaldo? La squadra è stata brava a reagire, il gruppo non è mai mancato. Abbiamo cercato di finalizzare fin dal primo minuto. Non so che altro dire, ringrazio tutti i portoghesi. Dedico il gol a Susana, la mia mental coach“.

Deschamps: “Siamo mancati in franchezza, abbiamo avuto le opportunità per vincerla. È stata una partita difficile, molto chiusa, sfortunatamente hanno fatto loro gol. Siamo delusi, ma la delusione deve fermarsi qui. Non dobbiamo gettare il lavoro fatto, ma abbiamo perso una grande chance, quella di essere campioni d’Europa. La delusione c’è ed è immensa, servirà tempo per digerirla. Abbiamo vinto e sofferto insieme, oggi abbiamo perso insieme. È stato bello aver avuto il trofeo in casa nostra, purtroppo non l’abbiamo vinto noi“.

Griezmann: “È stata un’esperienza magnifica, fantastico periodo, abbiamo dato tutto, non abbiamo rimpianti, sono orgoglioso della squadra e di chiunque altro. E’ mancata un po’ di fortuna stanotte, abbiamo creato opportunità. Abbiamo colpito il palo, avuto un paio di chance, altre parate del portiere. Ma questo ci farà diventare più forti. Il Portogallo non è solo Ronaldo, è molto forte difensivamente e ha segnato senza di lui. Hanno un grande gruppo. Sì, ho vinto il titolo da cannoniere, ma è veramente brutto per la squadra. Volevamo vincere“.

  •   
  •  
  •  
  •