Infortunio Giuseppe Rossi, si teme un lungo stop per Pepito

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
infortunio giuseppe rossi

Infortunio Giuseppe Rossi, ancora un lungo stop per Pepito?

Pochi giorni dopo aver realizzato una tripletta dopo 4 anni, Giuseppe Rossi deve fare di nuovo i conti con la sfortuna. Pepito ha dovuto abbandonare il terreno di gioco dopo 35 minuti di Celta Vigo-Eibar per una torsione innaturale del ginocchio sinistro. L’ex attaccante di Parma e Fiorentina è uscito dal campo in lacrime, applaudito dai suoi tifosi. Una vera disdetta per lo sfortunato attaccante, che già in passato ha dovuto pagare un enorme debito con la sfortuna. La giornata negativa per il Celta si è conclusa con una sconfitta per 2-0 contro l’Eibar. Sconfitta che allontana il Celta dalla zona Europa League, forse in maniera definitiva. Giuseppe Rossi ha poi seguito il match dalla panchina, un segnale che può dare una speranza sulle sue condizioni. E’ incredibile come la sfortuna si stia accanendo su uno dei più grandi talenti degli ultimi anni del calcio italiano. Prima il grave infortunio nel gennaio 2014 con la Fiorentina che gli ha precluso la partecipazione al Mondiale brasiliano. Ma Giuseppe Rossi aveva già subito un grave infortunio, sempre alle ginocchia, al Villarreal. Senza Pepito il Sottomarino Giallo retrocesse, la Fiorentina fu brava a puntare su di lui quando era ancora infortunato. Rossi non è mai più tornato ai livelli del 2014, quando faceva sognare la Champions League a Firenze. Il difficile rapporto con Paulo Sousa lo aveva spinto a lasciare l’Italia per andare in prestito al Levante a gennaio. Tornato in viola Rossi aveva fatto di nuovo le valigie con destinazione Vigo. Con il Celta stava pian piano ritrovandosi, come dimostrava la tripletta segnata lunedì scorso al Las Palmas. Ora questo nuovo infortunio Giuseppe Rossi potrebbe minare ancora la carriera dell’attaccante nato negli Usa. Aspettando tutti gli accertamenti strumentali tutti gli appassionati di calcio si augurano che Pepito torni presto in campo, perché la sfortuna ora sta davvero esagerando.

  •   
  •  
  •  
  •