Atletico Madrid, otto anni fa l’inizio dell’epopea del Cholo

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

Otto anni fa, il 9 maggio del 2012, l’Atletico Madrid entrava ufficialmente nella nuova era, quella del Cholismo e della grinta di Simeone: i Colchoneros, infatti, vincevano la finale di Europa League contro l’Athletic Bilbao, ottenendo il primo di numerosi successi e trofei ottenuti sotto la guida tecnica dell’allenatore argentino. All’epoca, l’uomo chiave fu Radamel Falcao, peraltro autore di una doppietta in quella finale (3-0 il risultato finale, di Diego il terzo gol); da quel momento, tanti fenomeni sono passati dallo stadio Vicente Calderon e poi dal Wanda Metropolitano: riviviamo alcuni dei momenti chiave della squadra biancorossa fino ad oggi.

Atletico Madrid, otto anni di successi

2012, vittoria della Supercoppa Uefa– Dopo l’Europa League di qualche mese prima, Falcao guida ancora la sua squadra ad un altro trionfo europeo: a Montecarlo, l’Atletico Madrid distrugge il Chelsea campione d’Europa per 4-1, con una tripletta del suo fenomeno colombiano, decisamente l’uomo che più di tutti ha beneficiato della “cura Simeone”.

2013, vittoria della Coppa del Re– Nel frattempo, durante quella stagione, al fianco di Falcao si accende la stella di Diego Costa: i Colchoneros, in finale della coppa nazionale, battono i cugini del Real Madrid in rimonta anche grazie al gol dell’attaccante spagnolo (2-1 il risultato finale), dopo il vantaggio firmato Cristiano Ronaldo.

2014, vittoria del Campionato Spagnolo– Torna la vittoria del titolo nazionale che mancava dal ’96. E’ una vittoria fantastica, che vede in Diego Costa, bomber indiscusso, e in Godin, autore del gol decisivo, gli uomi chiave. Il destino regala un finale splendido: all’ultima giornata, la squadra di Madrid dovette andare al Camp Nou a sfidare l’altra pretendente al titolo, il Barcellona. Finì 1-1, ed il pareggio bastò alla squadra del Cholo per laurearsi campione: si interruppe così il duopolio Real Madrid-Barcellona.

2014, finale di Champions League– Per un grande trionfo, c’è anche una bella dose di lacrime. La sconfitta in finale di Champions League a Lisbona contro il Real, con il famoso gol di Sergio Ramos al 93′, è uno dei momenti più drammatici della storia recente dell’Atletico Madrid. Resta, comunque, la grande impresa di una finale di Champions raggiunta dopo 40 anni dall’ultima volta.

2016, finale di Champions League– Il 2014/15 vede solo la vittoria della Supercoppa Spagnola, ma soprattutto vede lo sbarco a Madrid del fenomeno francese Antoine Griezmann per sostituire Diego Costa, finito a Londra. Proprio Grizou guida i Colchoneros alla seconda finale di Champions nel giro di tre anni: ancora una volta, di fronte c’è il Real Madrid, ed anche l’epilogo è lo stesso. La sfida si trascina ai rigori, dopo l’1-1 dei tempi supplementari, ed è decisivo l’errore di Juanfran dal dischetto: ancora una grande delusione, ma c’è la consapevolezza di essere ormai entrati nella élite europea. L’anno successivo, ancora il Real Madrid di CR7 spezzerà i sogni europei dei cugini, stavolta in semifinale.

2018, vittoria dell’Europa League– A gennaio del 2018 è tornato Diego Costa, che forma con Griezmann una coppia esplosiva. L’Atleti, dopo un brutto inizio di stagione con il terzo posto nei gironi di Champions, retrocede in Europa League, dove arriva fino in fondo e vince in finale grazie ai gol del suo attaccante francese contro il Marsiglia. C’è anche spazio per la bella storia di Torres, tornato nel suo amato Atletico, dove non aveva mai vinto niente: arriva finalmente la sua prima gioia con questa maglia, e può andare a chiudere la sua carriera in Giappone.

2018, vittoria della Supercoppa UEFA– Per carità, è un trofeo secondario e minore, ma va segnalato perché è l’occasione in cui l’Atletico Madrid sfata finalmente un tabù: arriva la vittoria in una coppa europea contro il Real Madrid. Dopo il 2-2 dei regolamentari, con doppietta del solito Diego Costa, arriva il trionfo per 4-2 nei supplementari con Saul e Koke. Finalmente, sorridono i Colchoneros e piangono le Merengues.

  •   
  •  
  •  
  •