Liga Spagnola: ecco come si riparte

Pubblicato il autore: Demetrio Segui

liga spagnola

La Liga Spagnola che vede coinvolti giocatori del calibro di Messi, Griezmann, Isco, Benzema e Morata, solo per citarne alcuni, si accinge a riaprire i battenti a partire dal prossimo mese di giugno. Questa tesi ha preso ancora più valore in quanto Lega e Federazione sono riuscite a trovare un accordo relativamente all’organizzazione del calendario.

Come riparte la Liga?

Come riportato da sportmediaset.it, le due massime autorità in materia di calcio hanno trovato un punto d’equilibrio nel definire la situazione legata alle partite da disputare per completare la stagione. In questa situazione complicata, l’aspetto più difficile da delineare era il fattore tempo nelle sue diverse sfumature: orari delle partite, giorni delle partite e, soprattutto, tempo che doveva passare tra una partita e l’altra della stessa squadra. Il primo aspetto è stato regolato scegliendo di percorrere due strade differenti, il tutto in considerazione del fatto che si giocherà in uno dei mesi più caldi dell’anno. Avendo la Spagna un territorio abbastanza ampio, le autorità hanno deciso che nelle zone più fresche dello Stato le partite inizieranno alle ore 20, mentre nelle altre zone dove il clima è più caldo il fischio d’inizio sarà alle ore 23. I tifosi spagnoli sorrideranno riguardo alle decisioni in merito al secondo punto, le partite della Liga, infatti, copriranno l’intera settimana: dal lunedì alla domenica senza saltare un giorno in calendario. Il terzo aspetto riguarda il tempo che deve passare tra una partita e l’altra di una stessa squadra: questo limite è stato definito a 72 ore, nello specifico la squadra che disputa una prima partita il lunedì non potrà scendere nuovamente sul terreno di gioco prima di giovedì. In sostanza se il Barcellona gioca in anticipo al sabato non potrà disputare la partita successiva prima del martedì successivo e cosi vale per tutte le altre. Un’organizzazione simile al mondiale per far ripartire questa straordinaria “Liga di giugno”.

  •   
  •  
  •  
  •