Neymar infortunio finto, l’accusa della Colombia: serviva per distogliere attenzione dall’arbitro

Pubblicato il autore: Francesco Mattei Segui

infortunio finto neymar

Roma – L’ennesima simulazione di Neymar è la curiosa tesi che circola in Colombia riguardo l’infortunio del fuoriclasse verdeoro patito proprio nel match contro la selezione di Pekerman. In particolare si parla di un finto infortunio per distogliere l’attenzione da presunti accordi tra la federazione brasiliana, la Fifa e gli arbitri per consentire la vittoria del mondiale da parte del Brasile. Difficile dare credito a una simile ipotesi ma i colombiani hanno fatto le cose in grande portando a sostegno diversi elementi come la posizione del ginocchio di Zuniga sulla schiena di Neymar differente dalla zona effettivamente lesionata.

Neymar infortunio simulato per coprire gli errori arbitrali

I colombiani proseguono asserendo che Neymar abbia inscenato un falso infortunio in modo da spostare l’attenzione dei media su di lui e contemporaneamente minimizzare gli errori arbitrali a favore del Brasile durante tutto il mondiale e durante il match con la Colombia. Inoltre, la notizia secondo cui l’asso brasiliano potrebbe clamorosamente tornare a disposizione per la finalissima di Rio non è che una possibile conferma della tesi dei tifosi Cafeteros. In Colombia, comunque, sono sicuri: il Brasile vincerà i Mondiali.

Il finto infortunio Neymar fotogramma per fotogramma

Tutti a dare la colpa al povero Zuniga, oggetto di critiche feroci dell’opinione pubblica e invece Neymar avrebbe semplicemente simulato l’infortunio alla vertebra lombare secondo i media colombiani. Le immagini del contrasto tra l’asso brasiliano e il terzino del Napoli mostrano infatti come quest’ultimo abbia si colpito Neymar, ma in una zona della schiena non corrispondente a quella dell’infortunio. La frattura vertebrale al contrario secondo i colombiani il fuoriclasse del Barcellona l’avrebbe rimediata cadendo a inizio match, a seguito dei festeggiamenti per il gol decisivo realizzato da Thiago Silva.

 

  •   
  •  
  •  
  •