André Silva, chance mondiale in Portogallo-Marocco: un gol per riprendersi il Milan

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
MILAN, ITALY - OCTOBER 15: Andre Silva of AC Milan looks on during the Serie A match between FC Internazionale and AC Milan at Stadio Giuseppe Meazza on October 15, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Andre Silva – Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

André Silva, titolare in Portogallo-Marocco. Meno di dieci minuti contro la Spagna, titolare oggi con il Marocco. André Silva si prepara al suo esordio da titolare in un campionato del mondo. L’attaccante del Milan partirà dal primo minuto al fianco di sua maestà Cristiano Ronaldo. L’ex Porto giocherà al posto di Goncalo Guedes, che ha deluso contro la Spagna. Con la maglia del Portogallo Andrè Silva ha sempre offerto buone prestazioni. Nei test amichevoli pre-Russia 2018 ha segnato anche un gol contro la Tunisia, di testa. Il Mondiale di Russia è una via per convincere il Milan a puntare su di lui. Allo stesso tempo è una vetrina per far ingolosire qualche possibile acquirente. I rossoneri hanno speso 38 milioni di euro per portarlo in Italia, una cifra che ancora oggi deve essere giustificata. 10 gol per lui in stagione, ma solo 2 in campionato. Troppo poco, davvero troppo poco.

Non sarà facile segnare contro un Marocco che ha nella difesa il suo punto di forza. André Silva avrà di fronte lo juventino Benatia, un osso sempre molto duro. Gli africani hanno perso il match d’esordio contro l’Iran, in una partita in cui non sono stati per nulla fortunati. Due squadre obbligate a vincere dunque, per una partita che promette scintille. Fernando Santos si affida ad André Silva, ma soprattutto a Cristiano Ronaldo. Per il fenomeno del Real Madrid sarà difficile replicare lo show mostrato contro la Spagna, ma le speranze lusitane passano sopratutto per lui. E per André Silva, un talento in cerca d’autore. E di gol.

André Silva, sarà lui a finanziare il mercato del Milan?

Ore di attesa in casa rossonera. Si aspetta il verdetto UEFA sulla possibile esclusione del Milan dalla prossima Europa League. “Abbiamo due piani per il mercato”, così Marco Fassone ieri a Nyon. Il Piano A, con l‘Europa League, prevede l’assalto a qualche grosso nome come Morata o Immobile. Il Piano B, senza coppe europee, non è noto, ma è facile che preveda qualche illustre cessione. Una di queste potrebbe essere proprio quella di André Silva. Anche perché Kalinic non avrà più modo di mettersi in mostra in Russia. L’interesse del Siviglia si sarebbe raffreddato e la sua permanenza al Milan diventa sempre più probabile.

André Silva potrebbe essere utilizzato come moneta di scambio, vedi Falcao, oppure ceduto, vedi Wolves o lo stesso Monaco, per fare cassa. Il Mondiale quindi può essere la sliding doors decisiva per il portoghese. Segnare per tornare grande, oppure restare nell’anonimato. Il Milan è nell’ordine di idee di non cedere André Silva. Gattuso vuole puntare sul portoghese, contando su un anno di esperienza in Serie A. Intanto l’ex Porto oggi si gioca la sua prima fiche mondiale in Russia. Tutti gli occhi saranno su Cristiano Ronaldo, quelli rossoneri saranno molto su André Silva. L’uomo che vuole sfatare la maledizione del numero 9 a Milanello.

  •   
  •  
  •  
  •