Mercato Juventus: il Chelsea è sulle tracce di Daniele Rugani

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Daniele Rugani – Foto originale Getty Images© selezionata da SuperNews

In attesa che Maurizio Sarri venga ufficializzato alla guida del Chelsea, in casa Blues è tempo di iniziare a porre i primi tasselli in vista della prossima stagione e tra i nomi che attraggono maggiormente la curiosità del presidente Roman Abramovich vi è quello di Daniele Rugani, vecchio pupillo proprio del tecnico toscano sin dai tempi dell’Empoli. La Juventus, però, non vorrà privarsi tanto facilmente del giovane difensore, classe 1994, tant’è che nelle scorse settimane, la dirigenza della Vecchia Signora abbia posto il veto su un’offerta attestatasi sui 30 milioni di euro, cifra ritenuto per nulla affatto congrua al fine di cedere un elemento dalle interessanti prospettive.

Notizia, invece, di gran lunga più recente, ci informa che il club londinese abbia effettuato un nuovo sondaggio per Daniele Rugani e sarebbe disposto a mettere sul piatto la cospicua somma di 40 milioni di euro, al che la Juventus, dinnanzi ad un’offerta del genere potrebbe dare il benestare per la cessione. Rugani visse le sue stagioni migliori proprio tra le fila dell’Empoli, alla corte di Maurizio Sarri, centrando una promozione in A al termine del campionato 2013/2014, per poi stupire tutti, in quanto a padronanza del ruolo e sicurezza, nella prima stagione in massima serie, in cui collezionò, con i toscani, 38 presenze impreziosite da 3 reti, contribuendo attivamente alla permanenza in A.

Nell’estate del 2015 avvenne il trasferimento a Torino. Con la Juventus ha conquistato tre scudetti, tre coppe Italia ed una Supercoppa italiana, senza, però, mai rappresentare un titolare inamovibile nell’undici ideale di Massimiliano Allegri. In tre stagioni, sono solamente 54 le presenze in campionato, chiuso nelle gerarchie, prima dal duo Chiellini-Bonucci e poi dal tandem Chiellini-Benatia. Con l’arrivo di Caldara, inoltre, la concorrenza rischia di essere ulteriormente agguerrita, con Rugani che difficilmente potrà assumere i galloni da titolare. Le sue prestazioni in bianconero, tra l’altro, non sono apparse particolarmente esaltanti. Molto spesso si è limitato a compiti di ordinaria amministrazione, senza strappare applausi a scena aperta.

Nei momenti clou raramente è stato preso in considerazione e spesso ha manifestato, soprattutto nei primi anni in bianconero, una timidezza che lo ha frenato nella crescita. Sostanzialmente, Rugani in bianconero è apparso come una “promessa non mantenuta“, un calciatore ad un passo dal salto di qualità definitivo, ma mai avvenuto. Nonostante ciò, la dirigenza juventina non vorrà fare sconti sul cartellino del giocatore e il Chelsea è ben consapevole che non dovrà scendere sotto la soglia dei 40 milioni di euro al fine di strappare un “sì” e potersi assicurare le prestazioni di un elemento su cui Sarri crede fermamente da tempi non sospetti.

  •   
  •  
  •  
  •