Mondiali di calcio 2006: Germania Italia 0-2, il racconto della semifinale

Pubblicato il autore: manuela71 Segui
attends the Preliminary Draw of the 2018 FIFA World Cup in Russia at The Konstantin Palace on July 25, 2015 in Saint Petersburg, Russia.

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Il 4 luglio 2006 era una notte d’estate molto calda, l’Italia era arrivata in semifinale mondiale. Gli Italiani erano in casa nei bar e ristoranti, davanti alla televisione, in attesa della partita di semfinale Germania Italia. C’era molta adrenalina anche sugli spalti dove erano presenti 60000 tedeschi e molti italiani. Il match era allo stadio di Westfalenstadion a Dortmund alle ore 21.00.

La formazione schierata da Lippi l’allenatore dell’Italia era composta da questi undici effettivi: Buffon, Zambrotta, Cannavaro, Materassi, Grosso, Camoranesi, Pirlo, Perrotta, Totti, Toni.
La Germania allenata da Klinssmann scese in campo: (4-4-2) Lehmann, Friedrich, Mertesacker, Metzelder, Lahm, Schneider, Kehl, Ballack, Borowski, Klose, Podolski. Gli arbitri del match erano Benito Archunda del Messico.
La partita iniziò con l’Italia in attacco, si doveva vincere e andare in finale per conquistare credibilità dopo lo scandalo di calciopoli che li appena travolti.

Nel primo tempo ci sono state alcune azioni dell’Italia da cardiopalma: il lancio della palla di Totti a Perrotta al 16 minuto di gioco, bloccata da Lehmann in due tempi, Grosso che al 30′ da sinistra mise la palla al centro per Toni, salvata da Metzelder miracolosamente. L’unica azione della Germania dove poteva fare goal è stata al 34′ quando Pirlo perse la palla al centro e Klose allargò a destra per Scneider che tirò sulla traversa.

Nel secondo tempo la Germania partì in attacco con Klose al 5 di gioco, saltò Cannavaro e Gattuso, ma Buffon uscì e fermò la palla. Fu il turno di Podolski a tirare in porta, ma Buffon parò di nuovo. L’Italia aveva rallentato il gioco, Lippi sostituì Gilardino con Toni. La situazione non cambiò perchè al 36′ l’arbitro assegnò un calcio di punizione per i tedeschi in centro al limite dell’area, dove Ballack spedì la palla altissima. Schneider entrò al posto di Odonkor. Riprese il gioco finalmente l’Italia andò in avanti con Totti, che servì Perrotta in area Lehmann uscì e respinse di pugno. Il secondo tempo finì 0-0, si dovevano giocare i supplementari.

Nel primo tempo supplementare Camoranesi scese in campo per al posto di Iaquinta. L’Italia iniziò in attacco, Gilardino prese palo, mentre Zambrotta la traversa. I tedeschi erano stanchi, perchè contro l’Argentina erano andati ai supplementari. L’unica azione favorevole per la Germania fu verso la fine del primo tempo, Podolski mise la palla fuori su cross di Odonkor.

Nel secondo tempo supplementare ci furono due azioni da tenere il fiato sospeso: Del Piero pur trovandosi in area tedesca non riuscì a fare goal, Buffon parò un tiro di Podolski in contropiede. La partita continuò in equilibrio, ma al 13′ Grosso in diagonale tirò e fece goal. Nello stadio regnò il silenzio i tedeschi erano increduli. La Germania si mise in attacco, ma gli azzurri andarono in contropiede con Cannavaro, Gilardino e Del Piero che tirò in porta e raddoppiò. L’Italia volò in finale  mondiale con la Francia di Zidane con il punteggio di 0-2.

  •   
  •  
  •  
  •