Mondiali 2018: Croazia-Inghilterra. Dalic avverte i “Tre Leoni”: “Non siamo giunti fin qui per caso”

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Foto originale Getty Images© scelta da SuperNews

Si accendono i riflettori sul “Luzhniki” di Mosca, sede del match di stasera tra Croazia ed Inghilterra, semifinale di Russia 2018. Chi vincerà affronterà domenica, sempre a Mosca, la Francia di Didier Deschamps che ieri sera ha strappato il pass per la finale, battendo il Belgio per 1-0. I balcanici giungono a quest’appuntamento galvanizzati dai successi ottenuti, entrambi ai calci di rigore, contro la Danimarca agli ottavi e la Russia ai quarti, palesando una spiccata personalità ed una voglia spasmodica di lottare sino all’ultimo minuto, senza risparmiarsi mai. Eccellente il cammino di Modric e compagni anche durante la fase a gironi, chiudendo il gruppo D al primo posto e a punteggio  pieno, superando di slancio Argentina, Nigeria ed Islanda.

La Croazia è una compagine difficile da scardinare, illuminata da Luka Modric, playmaker della squadra che detta i tempi ed accende la luce ai suoi compagni, risultando un elemento efficace ed imprescindibile. Il resto è composto dai vari Mandzukic, Perisic, Rebic, Brozovic, uomini determinati che hanno evidenziato una personalità da condottieri, tutti accomunati da un unico scopo, ossia quello di conquistare per la prima volta in carriera, la Coppa del Mondo. Nel 1998 la generazione di Suker, Boban, Boksic, Stanic, riuscì ad issarsi in semifinale, per poi crollare al cospetto della Francia sotto i colpi di Thuram, chiudendo quell’edizione al terzo posto. Risultato prestigioso  ma che in casa croata vorranno rinverdire e mai come in questa occasione, l’opportunità appare essere ghiotta.

Per quanto concerne le ultime notizie della vigilia, il c.t. Dalic tenterà di recuperare il portiere, para rigori,  Subasic, mentre appare decisamente improbabile che Vrsaljko, fermo ai box per un problema al ginocchio, possa essere abile e arruolabile per la sfida di stasera. Nel frattempo, nella giornata di ieri, il commissario tecnico croato ha rilasciato interessanti dichiarazioni in vista del match contro l’Inghilterra. Questo un estratto delle sue parole principali: “Non credo proprio che siamo andati già oltre le aspettative, visto quanti calciatori croati militano nei grandi club d’Europa, come Real e Barcellona. E’ vero che negli ultimi anni la Croazia non ha raccolto quanto era nelle sue potenzialità, ma vista la qualità dei miei non credo che sia così sorprendente il fatto che siamo fra le prime quattro. Ora non vorremmo sprecare questa chance di entrare nella storia“. Per poi aggiungere: “Abbiamo analizzato tutte le partite dell’Inghilterra e mostrato ai giocatori tutto ciò che potevamo. Sappiamo quali sono i pericoli di questa gara, e che dopo Islanda, Danimarca e Russia troveremo un’avversaria differente. Dovremo stare molto attenti sui palloni e da fermo. Però non c’è ragione di essere nervosi o sentire una particolare pressione. Siamo qui per goderci la vita, provare a giocare un bel calcio. Il risultato sia quel che sia“.

Spostando le attenzioni sulla probabile formazione anti-Inghilterra, Dalic dovrebbe affidarsi al 4-2-3-1 con il dubbio in porta tra Subasic e Kalinic, Vida e Strinic agiranno lungo le corsie esterne, mentre la coppia centrale sarà formata da Lovren e Corluka. A presidiare la mediana ci penseranno Modric e Rakitic, mentre sulla trequarti Brozovic, Rebic e Perisic agiranno a supporto della punta centrale Mandzukic.

  •   
  •  
  •  
  •