Alisson, prima “papera” al Liverpool: sindrome di Karius per l’ex Roma? (VIDEO)

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
ROSTOV-ON-DON, RUSSIA - JUNE 17: Alisson of Brazil bursts an inflatable ball during the 2018 FIFA World Cup Russia group E match between Brazil and Switzerland at Rostov Arena on June 17, 2018 in Rostov-on-Don, Russia. (Photo by Kevin C. Cox/Getty Images)

Alisson – Foto originale Getty Images© scelta da SuperNews

Alisson, primi problemi inglesi. Bravo con le mani, ancora di più con i piedi. Questo si è sempre detto di Alisson, secondo portiere più pagato di sempre nella storia del calciomercato mondiale. Il brasiliano però è incappato in un grave errore nell’ultima giornata di Premier League. Contro il Leicester il Liverpool ha subito il primo gol stagionale. Colpa proprio di Alisson, che sullo 0-2 per i suoi si è concesso una licenza di troppo. Un errore arrivato qualche giorno dopo l’addio di Karius, approdato al Besiktas. Il portiere tedesco, che sognerà la finale di Champions League contro il Real Madrid per tanti anni, è stato sostituito proprio da Alisson. Il portiere brasiliano è già rimpianto dai tifosi della Roma, non soddisfatti dalle prime prestazioni di Olsen. Ma forse vedendo quello che ha combinato Alisson in Leicester-Liverpool si consoleranno. Almeno per il momento.

Alisson, un errore condizionato dalla valutazione record?

Non è la prima volta, e non sarà l’ultima, che Alisson eccede con i disimpegni con i piedi. Il portiere brasiliano si fida molto, a volte troppo, della sua tecnica. Nella stagione passata la Roma ha visto la parte migliore del numero uno della Selecao. Un’annata praticamente perfetta. Ora al Liverpool c’è la sensazione che Alisson si senta in dovere di dimostrare di valere davvero i 75 milioni di euro spesi dai Reds per portarlo ad Anfield. Un’ansia che può portare ad errori come quello commesso contro il Leicester. Karius è lontano, ma evidentemente i fantasmi della finale di Kiev non sono ancora scacciati del tutto.

Alisson, le immagini dell’errore in Leicester-Liverpool:

  •   
  •  
  •  
  •