Moviola Juventus-Genoa: fallo da rigore su Mandzukic ? Regolare la rete di Douglas Costa

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

var juventus-genoa
Moviola Juventus-Genoa:
la Vecchia Signora tiene il passo del Napoli e ritorna a -1. Nel posticipo serale della ventunesima giornata di Serie A, i bianconeri battono di misura con il risultato di 1-0 e con qualche affanno di troppo il Genoa, seguono così la scia dei partenopei che proprio ieri con l’analogo risultato sconfiggevano l’Atalanta.
La Juventus in formazione largamente rimaneggiata, priva di sei elementi titolari quali Buffon, Rugani, Howedes, Marchisio, Cuadrado e Dybala, pur non brillando dal punto di vista tecnico, riesce a far sua l’intera posta in palio, condannando i rossoblù genoani, troppo rinunciatari in generale, poco incisivi in avanti e al tempo stesso non lesti a  sfruttare il fisiologico calo dei padroni di casa. Gli uomini del tecnico Davide Ballardini interrompono così la mini striscia positiva che durava da quattro giornate.

Moviola Juventus-Genoa: tutti gli episodi dubbi del posticipo di stasera

A dirigere Juventus-Genoa è il signor Marco Di Bello della sezione di Brindisi: gara tutto sommato tranquilla, sono davvero rari gli episodi dubbi da analizzare sotto la lente di ingrandimento.
Nella prima frazione di gioco, l’episodio chiave è rappresentato dalla rete del vantaggio bianconero, firmata da Douglas Costa: a primo impatto seguendo la dinamica dell’azione il centrocampista brasiliano sembra essere oltre la linea. Ma in realtà le immagini chiariscono come sia in posizione nettamente regolare: al silent-check di Di Bello con il Var segue la convalida della rete. A tenerlo ampiamente in gioco è il difensore genoano Laxalt, come si nota dalle immagini che seguono:


Ammonizione giusta nei confronti di Spolli al minuto 25′, il quale interviene da terra sulle gambe di Higuain, così come analogo provvedimento disciplinare nei confronti di Rosi che da dietro sbilancia Alex Sandro. In quest’ultima circostanza però Di Bello estrae in maniera forse troppo esagerata il cartellino giallo, valutando alla stregua il fallo come tattico.

Nella seconda frazione di gioco, Mandzukic protesta al 56′ per una spinta in area di Rosi e chiede invano il penalty: analizzando l’azione però Di Bello valuta bene perché il calciatore rossoblù salta per colpire la palla di testa e tocca involontariamente il croato nello stacco. Le immagini che seguono sembrano confermare l’inesistenza del fallo da parte del difensore del Genoa:

Al minuto 67′ cartellino giallo per Alex Sandro: il terzino bianconero ferma con una trattenuta Taarabt. Giusta la decisione dell’arbitro.
Sacrosanta ammonizione per Pandev che al 72° minuto gioca in maniera pericolosa su Mandzukic: corretto il provvedimento del direttore di gara.
Si segnalano altri due cartellini gialli nei minuti finali: il primo all’84° minuto, allorquando Perin non attende il consenso dell’arbitro e, allo scopo di accelerare i tempi di gioco, rinvia autonomamente; il secondo un minuto dopo con Galabinov che di gomito alto colpisce Chiellini che lo aveva anticipato. In entrambi i casi sono giuste le decisioni di Di Bello.

  •   
  •  
  •  
  •