Serie B: quattro i recuperi a Pasquetta, precedenti e probabili formazioni

Pubblicato il autore: Giacomo Luigi Uccheddu Segui


Sono quattro i recuperi della ventinovesima giornata in programma per domani Lunedì 2 Aprile, giorno di Pasquetta. La giornata decisa per disputare i match ha sicuramente fatto discutere, è lecito attendersi stadi pieni in una giornata che di solito le famiglie passano insieme ma difficilmente dentro uno stadio? Domani avremo la risposta. Si comincia dallo Zaccheria alle ore 12.30: il tentativo di fuga dell’Empoli contro un Foggia che con una vittoria potrebbe anche entrare in corsa per la lotta ai Play Off; alle ore 15.00 è sfida infuocata allo Stadio Partenio dove l’Avellino chiederà punti salvezza a un Bari invece volenteroso di prendersi la quarta posizione; alle ore 17.30 è super sfida Play Off tra il Carpi e il Venezia; si chiude alle ore 20.30 con il match del Tardini che vedrà opposte due squadre in salute quali il Parma e il Palermo con quest’ultima che in caso di successo scavalcherà il Frosinone al secondo posto in classifica.

FOGGIA – EMPOLI

Satanelli imbattuti in casa dal 24 Febbraio, 1-2 contro il Brescia, da allora tre vittorie e due sconfitte. La squadra di Stroppa occupa l’undicesimo posto a quota 43 punti, 6 in meno del Venezia ottavo. Empoli primo a 63 punti, cinque in più del Frosinone secondo e sei in più del Palermo terzo; la capolista non perde dall’11 Novembre 2017 quando la Pro Vercelli vinse per 2-1 allo Stadio Silvio Piola.

Soltanto due i precedenti tra le due squadre di cui uno nel campionato cadetto e uno in Serie C, estremamente curioso il fatto che entrambe le sfide in passato si siano giocate l’11 Maggio. Nella stagione 1996-97 in Serie B sfida senza reti. Reti che invece ci sono state nel 2-0 della stagione 1979-80 quando le due compagini si sono affrontate nel campionato di Serie C1, a firmare il successo pugliese furono Sciannimanico e Grilli.

FOGGIA (3-5-2): Guarna; Tonucci, Caporese, Loiacono; Zambelli, Gerbo, Agnelli, Deli, Kragl; Duhamel, Nicastro.
EMPOLI (4-3-1-2): Gabriel; Di Lorenzo, Maietta, Luperto, Pasqual; Bennacer, Castagnetti, Brighi; Zajc; Rodriguez, Caputo.

AVELLINO – BARI

La squadra irpina ha un solo punto di vantaggio sulla zona Play Out, nelle ultime cinque uscite ha ottenuto solo due punti e la vittoria manca dal 24 Febbraio quando proprio al Partenio venne superato per 2-1 il Novara. Ben altro momento attraversa la squadra di Fabio Grosso che Mercoledì contro l’Ascoli ha subito una sconfitta per 0-1 interrompendo una serie positiva che durava da 7 partite.

17 i precedenti di cui undici in B. Vittoria del Bari ad Avellino che manca dal 2003 quando al vantaggio di Kutuzov rispose una doppietta di Spinesi per gli ospiti. L’ex attaccante toscano è stato l’unico insieme a Pellicori a firmare una doppietta in questo match, il cosentino peraltro detiene il ‘titolo’ di miglior marcatore con tre reti. Il risultato che va per la maggiore è il pareggio uscito per 8 volte, 7 le vittorie dei locali e solo due quelle dei pugliesi.

AVELLINO (4-4-2): Lezzerini; Laverone, Kresic, Ngawa, Rizzato; Molina, D’Angelo, De Risio, Cabezas; Castaldo, Ardemagni.
BARI (4-3-3): Micai; Sabelli, Marrone, Empereur, D’Elia; Tello, Basha, Henderson; Galano, Kozak, Improta.

CARPI – VENEZIA

La squadra di Pippo Inzaghi è ottava a quota 49 punti, gli emiliani seguono a -2. La sconfitta del 25 Marzo per il Carpi in casa del Palermo non è stata altro che un punto grigio in mezzo a una buona striscia fatta di tre vittorie e due pareggi. I veneti le ultime due trasferte le hanno entrambe perse rispettivamente contro Empoli e Frosinone, ma tolte queste sfide i lagunari dal 3 Febbraio in avanti si sono fermati sole due volte, peraltro, con pareggi.

Sfida inedita per quanto riguarda il campionato cadetto ma non per altre categorie visto che le due squadre nella loro storia si sono affrontate in quattro circostanze. L’ultima volta nella stagione 1997-98 in Coppa Italia, vinsero gli ospiti col punteggio di 1-0 grazie al gol di Polesel. Quella rimane l’unica vittoria del Venezia perchè negli altri precedenti di cui due in C1 e uno in C2 si registrano due vittorie emiliane e un pareggio.

CARPI (3-5-2): Colombi; Poli, Anibal, Ligi; Pachonik, Verna, Pasciuti, Garritano, Mbaye; Melchiorri, Malcore.
VENEZIA (3-5-2): Audero; Domizzi, Frey, Cernuto; Zampano, Bruscagin, Falzerano, Stulac, Firenze; Zigoni, Litteri.

PARMA – PALERMO

Ducali quinti a quota 50 punti, gli stessi che hanno anche Bari, Cittadella e Perugia. La squadra di Roberto D’Aversa è reduce da quattro vittorie e una sola sconfitta contro la Virtus Entella, l’ultimo ko interno risale alla sfida del 14 Ottobre contro il Pescara. Siciliani imbattuti da sei turni in cui hanno vinto quattro volte e pareggiato due, in trasferta non perdono dal 17 Febbraio quando vennero battuti al Renato Curi dal Perugia.

24 le sfide tra le due squadre, di questi 9 in A, 3 in Coppa Italia e i restanti in B. Complessivamente 10 i successi emiliani, nove i pari, cinque le vittorie siciliane. Attenzione però, sei su dieci vittorie il Parma le ha ottenute tra Serie A e Coppa Italia. L’ultimo precedente risale al 26/4/15: 1-0 in A firmato Nocerino. L’ultimo in B al 24/2/80, anche in questo caso 1-0 con gol di Toscani. Ultima vittoria del Palermo il 27/9/64, manco a dirlo 1-0, segnò Troja.

PARMA (4-3-3): Frattali; Mazzocchi, Iacoponi, Di Cesare, Gagliolo; Dezi, Munari, Barillà; Insigne, Calaiò, Baraye.
PALERMO (3-5-2): Pomini; Dawidowicz, Struna, Szyminski; Rispoli, Jajalo, Chochev, Coronado, Aleesami; Nestorovski, La Gumina.

  •   
  •  
  •  
  •