Calendario Serie B, le partite di oggi 25 Settembre: Verona in casa, trasferte per Palermo e Benevento

Pubblicato il autore: Giacomo Luigi Uccheddu Segui
CAGLIARI, ITALY - NOVEMBER 05: Bruno Zuccolini of Verona celebrates his goal 0-1 during the Serie A match between Cagliari Calcio and Hellas Verona FC at Stadio Sant'Elia on November 5, 2017 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

Si apre questa sera il quinto turno del campionato cadetto. Sette i match in contemporanea dalle ore 21, due i posticipi in programma per la serata di domani vale a dire quello del Pino Zaccheria tra il Foggia reduce dal ko di Pescara e il Padova che proviene dal pari interno contro la Cremonese nel posticipo della quarta giornata, e quello dello Zini di Cremona dove si affronteranno la squadra di Mandorlini e un Cosenza ancora a caccia del primo successo in questo campionato dopo la beffa subita nel finale contro il Livorno.

I riflettori della serata odierna sono puntati sul Veneto ed in particolare sul Bentegodi di Verona dove la capolista di Fabio Pecchia riceve uno Spezia che non più di tre giorni fa ha battuto in casa il Cittadella interrompendo una serie di 17 risultati utili in casa amaranto. La squadra di Venturato spera quasi in un favore da parte dei liguri in chiave 1^ posto ma al Tombolato la sfida è di quelle importanti, arriva infatti il Benevento reduce dal roboante 4-0 interno alla Salernitana. In chiave promozione tutte da seguire anche le sfide tra Brescia e Palermo coi primi che cercano la prima vittoria di questo campionato e i secondi conferme dopo il bel successo del Renzo Barbera contro il Perugia, e tra Pescara e Crotone con i calabresi che dopo la sconfitta dello Scida contro la capolista sono attesi da una trasferta impegnativa in casa di una delle compagini più in forma. Salernitana attesa da una risposta di carattere dopo il brutale ko di Benevento, allo Stadio Arechi arriva l’Ascoli. Sfide salvezza al Curi e al Picchi dove sono in programma PerugiaCarpi e LivornoLecce. A seguire partita per partita le statistiche, i precedenti e le probabili formazioni.

Brescia-Palermo

34 i precedenti in Lombardia, ben 16 i pareggi. Per la quarta volta nella storia di questo match la sfida andrà in scena a Settembre, l’ultima volta lo scorso anno, finì 0-0. I rosanero non sbancano Brescia dal 2003 in Coppa Italia, mentre in campionato la vittoria manca dal 1981, in ambo i casi fu 3-2 per i siciliani. Corini, ex giocatore del Palermo e attuale tecnico del Brescia, non ha mai perso nella sua carriera da allenatore contro la compagine palermitana, stessa cosa dicasi per Tedino nelle sfide contro il Brescia. A dirigere l’incontro sarà il romagnolo Piccinini ed il dato curioso è che con lui nè Brescia nè Palermo hanno mai vinto.

Leggi anche:  Cremonese-Empoli, dove vederla in streaming e diretta tv

BRESCIA (4-3-1-2): Alfonso; Matejiu, Gastaldello, Romagnoli, Sabelli; Bisoli, Tonali, Dall’Oglio; Morosini; Donnarumma, Torregrossa.

PALERMO (3-5-1-1): Brignoli; Rajkovic, Bellusci, Pirrello; Mazzotta, Haas, Jajalo, Murawski, Salvi; Trajkovski; Nestorovski.

Cittadella-Benevento

Due i precedenti in terra veneta, sorridono entrambi ai padroni di casa. Goleada quella del Gennaio 2005 quando il match terminò 5-2: mattatore Sgrigna autore di tre reti. Il tecnico dei veneti Venturato ritrova il Benevento per la quarta volta da tecnico, in tre occasioni ha vinto, due in casa. Bilancio favorevole anche per Bucchi contro il Cittadella con un pari e una vittoria. A dirigere la sfida sarà il varesino Minelli, per lui due precedenti coi padroni di casa con una vittoria contro il Novara nella stagione 2016-17 e un ko contro la Cremonese la scorsa stagione, meglio è andata al Benevento diretto quattro volte dal fischietto lombardo e mai sconfitto.

CITTADELLA (4-3-3): Paleari; Ghiringhelli, Frare, Drudi, Benedetti; Settembrini, Iori, Proia; Schenetti, Finotto, Scappini.

BENEVENTO (4-3-3): Puggioni; Maggio, Billong, Volta, Di Chiara; Nocerino, Del Pinto, Tello; Insigne, Coda, Improta.

Livorno-Lecce

Dopo quello contro il Cosenza, la squadra di Lucarelli affronta un altro ‘derby’ contro una neopromossa. I giallorossi non vincono in trasferta da Aprile. Pari vietato nella sfida del Picchi, 6 successi labronici e 2 salentini, l’ultimo nel 2003 in salsa uruguaiana grazie ai gol di Chevanton e Giacomazzi. Per Lucarelli, ex di turno, tre precedenti da tecnico contro i giallorossi: due vinti e uno perso nella stagione 2016-17. Liverani da tecnico non ha mai battuto gli amaranto. Sarà il laziale Guccini a dirigere il match, con lui livornesi sempre vittoriosi tra le mura amiche ma al contempo Lecce battuto in trasferta soltanto una volta e ai calci di rigore.

Leggi anche:  Cremonese-Empoli, dove vederla in streaming e diretta tv

LIVORNO (3-5-2): Mazzoni; Gonnelli, Dainelli, Di Gennaro; Maicon, Valiani, Luci, Agazzi, Porcino; Kozak, Giannetti.

LECCE (4-3-1-2): Vigorito; Lepore, Lucioni, Meccariello, Calderoni; Tabanelli, Arrigoni, Scavone; Falco; Palombi, La Mantia.

Perugia-Carpi

E’ una delle sfide più calde della serata, i romagnoli hanno dato segni di ripresa contro il Brescia mentre la posizione di Nesta a Perugia è traballante dopo la sconfitta contro il Palermo. I precedenti sorridono agli umbri ko solo una volta su cinque. Sfida inedita quella tra Nesta e Castori, così come quella tra Nesta e il Carpi. Castori ha affrontato il Perugia da allenatore in sei circostanze: due pareggi, due vittorie e due sconfitte ma l’ultima risale alla stagione 2014-15. A dirigere l’incontro sarà il riminese Rapuano, il Carpi lo incontra per la prima volta in trasferta ma con lui è imbattuto in casa, il Perugia su due incontri casalinghi li ha vinti entrambi.

PERUGIA (3-5-2): Gabriel; Ngawa, Gyomber, El Yamiq; Mustacchio, Moscati, Dragomir, Bianco, Falasco; Vido, Melchiorri.

CARPI (4-4-2): Colombi; Pachonik, Poli, Suagher, Frascatore; Jelenic, Mbaye, Di Noia, Pasciuti; Arrighini, Mokulu.

Pescara-Crotone

Per la terza volta su 23 precedenti, la sfida va in scena in Settembre, in queste tre circostanze i pitagorici non hanno mai vinto. Il tecnico ospite Stroppa non ha mai vinto a Pescara, va meglio a Pillon che dinanzi al suo pubblico ha sfidato il Crotone quattro volte perdendo solo una nel 2000 con la Pistoiese. Sarà l’esperto barese Nasca a dirigere l’incontro, con lui il Pescara allo Stadio Adriatico ha perso solo due volte su 8 ed entrambe nel 2011-12: in Coppa contro la Triestina dopo i rigori e in campionato contro il Grosseto; ma se i bianco azzurri sorridono non lo stesso possono fare i calabresi diretti sei volte in trasferta e mai vittoriosi.

Leggi anche:  Cremonese-Empoli, dove vederla in streaming e diretta tv

PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Ciofani, Campagnaro, Gravillon, Del Grosso; Brugman, Machin, Memushaj; Antonucci, Monachello, Mancuso.

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Cuomo, Curado, Marchizza; Faraoni, Rohden, Benali, Molina, Firenze; Budimir, Nalini.

Salernitana-Ascoli

Campani che non perdono allo Stadio Arechi da Maggio, così come i marchigiani non vincono lontano da casa dallo stesso mese. Due i precedenti nel mese di Settembre, entrambi terminati col risultato di 0-0. Ascoli che non sbanca Salerno dal 2008. Per mister Vivarini quattro sconfitte su cinque sfide a Salerno, unico successo nel 2013-14 alla guida del Teramo. Sorride invece Colantuono che nelle sfide interne contro l’Ascoli ha vinto quattro volte e persa una, nella stagione 2016-17. Arbitrerà Illuzzi di Molfetta, con lui la Salernitana in casa ha collezionato tre vittorie e una sconfitta mentre il bilancio dei marchigiani è in parità con tre vittorie e tre ko.

SALERNITANA (4-3-1-2): Micai; Casasola, Migliorini, Schiavi, Gigliotti; Akpa Akpro, Di Tacchio, Palumbo; Di Gennaro; Djuric, Bocalon.

ASCOLI (4-3-1-2): Perrucchini; Laverone, Brosco, Valentini, D’Elia; Frattesi, Casarini, Cavion; Baldini; Ninkovic, Ardemagni.

Verona-Spezia

Scaligeri in serie positiva da quattro turni e che al Bentegodi non perdono da Maggio. Terzo match che le due squadre giocheranno a Verona nel mese di Settembre, nei precedenti un successo dei padroni di casa e un pareggio. Il tecnico gialloblu Grosso non ha mai battuto nè lo Spezia nè il tecnico avversario Marino che però a sua volta in casa del Verona ha perso due volte vincendo soltanto una alla guida del Catania. Per la prima volta in carriera, il romano Valerio Marini dirigerà la formazione veneta, due invece le sfide esterne con lo Spezia entrambe risalenti alla passata stagione e di cui una vittoriosa contro il Cittadella e l’altra amara contro il Cesena.

VERONA (4-3-3): Silvestri; Amici, Marrone, Caracciolo, Balkovec; Gustafson, Dawidowicz, Colombatto; Matos, Tupta, Laribi.

SPEZIA (4-3-3): Manfredini; Crivello, Giani, Terzi, De Col; Mora, Ricci, Bartolomei; Pierini, Galabinov, Okereke.

  •   
  •  
  •  
  •