Serie B, Lecce: il segreto sta nella difesa

Pubblicato il autore: Giacomo Luigi Uccheddu Segui


Il miglior attacco è la difesa pronuncia un detto, ma non sembra essere così nel calcio a meno che la tua squadra non sia allenata da Zeman, non sembra essere così in un Lecce che dopo l’inaspettato quanto limpido e meritato successo del Bentegodi di Verona vola nei quartieri alti del campionato cadetto rifilando ai gialloblu di Fabio Grosso la seconda sconfitta consecutiva in campionato.

Tutto parte dalla difesa

E dire che dopo 180′ la squadra di Liverani tra Benevento e Salernitana aveva subito cinque reti. Poi qualcosa è cambiato, nelle ultime cinque sfide tre gol subiti per una media di meno di un gol a partita. Merito di un reparto difensivo che ha una media di 28 anni e mezzo. Partendo da Vigorito, l’ex Cagliari che già con le maglie di Frosinone e Vicenza in B si era tolto soddisfazioni; merito di un Bovo tornato a Lecce dopo 14 stagioni; merito di Calderoni, Meccariello e Venuti che in Puglia stanno trovando la loro dimensione.

Leggi anche:  E' Dessena l'uomo in più del Pescara, ora almeno 10 punti nelle 5 finali rimaste

Mancosu, il vero trascinatore dei salentini

Oltre a Vigorito, a Lecce un altro sardo sta facendo gioire il pubblico: è il 26enne cagliaritano Marcello Mancosu alla sua prima esperienza nel campionato cadetto dopo aver tanto girato per i campi della Serie C, per lui 4 reti e un assist sin qui in campionato. Capocannonieri dei giallorossi al pari di Palombi. Ma se Marcello dovesse continuare così, quanto sarà possibile trattenerlo in Salento?

Meglio con i piedi per terra

Se è vero che il Lecce sta attraversando un momento d’oro, altrettanto vero è presto per sognare seppure la storia del club pugliese nel campionato cadetto insegni che qui i giallorossi si sono spesso e volentieri tolti delle soddisfazioni. Fino al 5 Novembre il trittico è di quelli spaventosi: Palermo al Via del Mare, derby contro il Foggia, match interno col Crotone e per chiudere il cerchio sfida allo Stadio Adriatico al Pescara. Un mese per capire dove la squadra di Liverani potrà arrivare e se potrà ambire a qualcosa di grande.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: