Pescara, Le ultime sulla sfida contro il Venezia

Pubblicato il autore: Mattia Di Battista

Pescara ad un passo dai play off

Pescara in campo tra poche ore per la 37° giornata del campionato di Serie B. I biancazzurri saranno impegnati in trasferta contro il Venezia in una gara che vale molto per entrambe le formazioni. La squadra abruzzese è arrivata ieri in Laguna per prepararsi alla partita di oggi pomeriggio, dopo il turno di riposo osservato nel turno infrasettimanale di mercoledì 1 maggio. Obiettivo: espugnare Venezia per chiudere il prima possibile il discorso play-off.

Al “Penzo” per archiviare la pratica

Un obiettivo a portata di mano per il Pescara, visti anche i risultati favorevoli del turno infrasettimanale con gli abruzzesi che hanno riposato e le dirette concorrenti (ad eccezione del Brescia matematicamente promosso in Serie A) che hanno perso. Mancano due partite alla fine del campionato e la squadra di Bepi Pillon ha bisogno di due vittorie per sigillare matematicamente il quinto posto. Sperando poi in una possibile penalizzazione del Palermo che aprirebbe spiragli per il quarto posto. Fondamentali, dunque, i tre punti sul difficile campo del “Domenico Penzo” di Venezia.

Qui Venezia

Un Venezia che però ha un assoluto bisogno di vincere contro il Pescara. I lagunari, guidati dall’ex Serse Cosmi, sono impelagati nella lotta per non retrocedere e vengono da un pari in casa del Cosenza. Squadra in emergenza. Certe le assenze di  Citro, Pinato, Di Mariano Lombardi (squalificato). Bentivoglio Bruscagin dovrebbero essere recuperati almeno per la panchina. Per Cosmi, dubbio per il modulo tra il suo classico 3-5-2 e il 4-4-1-1 sfoggiato mercoledì a Cosenza.

Qui Pescara

Nei biancazzurri, invece, mancheranno Campagnaro, Del Sole e lo squalificato Memushaj che martedì ha sposato la sua compagna Francesca. Avanti con il consueto 4-3-3 alias 4-5-1. L’unico dubbio per Pillon in attacco se confermare il tridente Marras-Mancuso-Sottil oppure inserire l’uruguaiano Bellini (probabilmente al posto di Marras) per avere più fisicità nel reparto offensivo, al momento la prima opzione sembra la più quotata.  Scelte quasi certe in difesa e a centrocampo: retroguardia composta da Fiorillo tra i pali; Ciofani, Perrotta, Scognamiglio e Del Grosso . I tre in mezzo al campo saranno Bruno, Brugman Crecco. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: