Abbonamenti stadio: Lecce e Parma meglio di Lazio e Napoli

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
abbonamenti stadio

abbonamenti stadio

Abbonamenti stadio, che il campionato di Lega Pro sia di importanza tutt’altro che trascurabile era già una certezza, la terza divisione del calcio italiano è ai primi posti per tifosi al seguito. Soprattutto il campionato 2016/2017 può annoverare tra le sue partecipanti squadre che hanno alle spalle tanti campionati di serie A. Catania, Foggia, Lecce, Venezia, Livorno, Parma,Lecce solo per citarne alcune. Proprio queste ultime due squadre fanno registrare numero da record per quanto riguarda gli abbonamenti stadio, rispettivamente 9.236 e 9.069. In pratica vuol dire avere più abbonati di Lazio e Napoli, avere solo tremila tessere in meno del Milan.  Il tetto degli abbonamenti toccato dal Lecce in questa stagione è secondo soltanto a quello raggiunto nel primo campionato di serie A in assoluto nel 1985/86 quando furono ben 13.524 gli abbonamenti sottoscritti in tutto il Salento. All’epoca, la corsa alle tessere fu determinata soprattutto dallo storico traguardo toccato dalla squadra di Iurlano, Cataldo e Fascetti. “Credo che i tifosi abbiano inteso accordare fiducia ai nostri dirigenti –spiega il diesse del Lecce Mauro Meluso – hanno riconosciuto alla società una spiccata identità salentina, apprezzandone gli sforzi compiuti per allestire una squadra in grado di lottare per la promozione. Siamo orgogliosi di lavorare con dirigenti che hanno passione e una grande credibilità. I tifosi si sono fidati di loro».

Leggi anche:  Bruscolotti e Taglialatela replicano a Cabrini: "Non ci può dare lezioni di vita, sanno tanto di pregiudizi"

Abbonamenti stadio, Parma vuole tornare subito grande

Capitolo Parma, gli oltre novemila abbonamenti stadio sottoscritti dai tifosi gialloblu non sono una sorpresa per Parma né per il Parma. L’anno scorso in D erano ancora di più, ma anche perché la curva era stata proposta al prezzo “politico” di 25 euro. Quest’anno le cifre sono lievitate ma i tifosi sono rimasti attaccati alla loro squadra. «Sarebbe stato bello arrivare ancora a diecimilaammette l’ad Luca Carrama bisogna riconoscere che già così il dato è trionfale. Tra l’altro il numero finale è ancora in via di definizione perché, pur avendo chiuso le sottoscrizioni al pubblico, stiamo trattando alcuni contratti pubblicitari che prevedono appunto il ricorso agli abbonamenti stadio. Quindi ci avviciniamo al Lecce…». Sui motivi di tanto affetto Carra spiega: «L’annata trionfale in serie D ha creato molto entusiasmo, così come la confermata presenza di bandiere come Scala, Apolloni, Minotti e Lucarelli. Quest’anno poi la Lega Pro ha creato nuove motivazioni e suggestioni, proponendo tanti derby». Il Parma, nonostante questo grande seguito, è in difficoltà, il tecnico Apolloni è in discussione, ma la dirigenza ha rinnovato la fiducia all’allenatore.

  •   
  •  
  •  
  •