Lega Pro Girone B: Venezia tenta la fuga a Pordenone, in coda incroci salvezza

Pubblicato il autore: Giacomo Garbisa Segui

lega pro_logo integrato unicef ufficiale
Prima contro seconda, il Venezia tenta la prima fuga a Pordenone. Settima giornata di Lega Pro Girone B e al «Bottecchia» va in scena il big match di giornata fra neroverdi ed arancioneroverdi. Il miglior attacco del girone con 14 centri il Pordenone (e il re dei bomber Arma con 7 gol in sei partite) contro la miglior difesa con appena 2 reti subite il Venezia, di cui una dal dischetto. Bruno Tedino contro Filippo Inzaghi, il blasone del Venezia contro la voglia di emergere del Pordenone, il Venezia reduce da due vittorie consecutive esterne a Parma ed Ancona di fronte a un Pordenone che in casa stenta e ha raccolto solo 4 punti sono solo alcuni degli spunti della sfida di cartello che potrebbe già dare un primo scossone al campionato.

Spettatrice interessata è la Sambenedettese che, con una partita da recuperare, è staccata di soli due punti dalla vetta e arriva da un tris di vittorie anche se di fronte avrà un Parma in salute, rilanciato dal doppio successo su Pordenone ed AlbinoLeffe. Appaiata ai ducali c’è il Bassano che, dopo l’inatteso stop col Lumezzane, è ripartito grazie al poker rifilato al Santarcangelo e, dietro al Pordenone, è l’unico attacco già in doppia cifra (11) ma la trasferta di Modena va presa con le pinze perché i canarini hanno estremo bisogno di punti dopo un avvio tutt’altro che felice e una crisi di risultati che rischia di demoralizzare tutto l’ambiente gialloblù. Importantissimi punti salvezza se li giocano anche Fano e Maceratese, derby marchigiano che rischia di inguaiare l’eventuale perdente: i padroni di casa arrivano da due stop e hanno la peggior difesa del torneo (9), gli ospiti non hanno finora mai vinto. Astinenza di successi che caratterizza anche il cammino del fanalino Forlì, chiamato alla difficile trasferta di Salò contro una Feralpi che in casa, tuttavia, ha raccolto la pochezza di 4 punti sui 9 a disposizione.

Punti pesanti sono quelli in palio anche fra SudTirol e Teramo, appaiate a 5 nonostante l’incoraggiante avvio degli altoatesini, vittoriosi all’esordio ma poi capaci di raccogliere solo 2 punti in cinque gare. Sfida verità per il Padova che, attardato sulle posizioni di vertice, ospita un Mantova in crisi di risultati (tre ko di fila), ma anche il Santarcangelo dopo il sorprendente avvio viaggia col freno a mano tirato e l’Ancona, reduce dal primo successo stagionale sul Modena, va in Romagna per cercare il colpaccio. Chiudono il quadro di giornata Lumezzane-Reggiana, coi bresciani che provano l’aggancio e gli emiliani che, con una gara da recuperare, guardano con interesse all’incrocio fra prime della classe, e AlbinoLeffe-Gubbio che si giocherà in posticipo lunedì 3 ottobre.

Programma settima giornata
Santarcangelo – Ancona ore 14.30
Lumezzane – Reggiana ore 14.30
SudTirol – Teramo ore 14.30
Sambenedettese – Parma ore 14.30
Modena – Bassano ore 16.30
Fano – Maceratese ore 18.30
Padova – Mantova ore 18.30
FeralpiSalò – Forlì ore 20.30
Pordenone – Venezia ore 20.30
AlbinoLeffe – Gubbio 3 ottobre ore 18.30

Classifica
Venezia 14; Pordenone 13; Sambenedettese (1 partita in meno) 12; Bassano, Parma 11; Gubbio, Reggiana (1 partita in meno), FeralpiSalò 10; Padova (1 partita in meno), Santarcangelo (1 partita in meno) 8; Lumezzane 7; AlbinoLeffe (1 partita in meno) 6; Ancona, Modena, Mantova, SudTirol, Teramo 5; Fano 4; Maceratese (1 partita in meno) 3; Forlì 2.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: