Serie C, il Renate esonera Pavanel. Tecnici in bilico a Foggia e Benevento

Le Pantere cambiano dopo la sconfitta casalinga contro l'Albinoleffe: è solo il terzo esonero nella storia recente del club. Cudini verso l'addio alla panchina dei rossoneri, i giallorossi riflettono su Andreoletti

“Certe prestazioni sono difficili da commentare. Prendiamo un gol e non riusciamo a reagire. Dobbiamo solo pensare a lavorare”. Con queste parole Massimo Pavanel aveva commentato il terzo ko consecutivo del suo Renate, maturato venerdì 8 dicembre nel gelo del Favini di Meda contro l’Albinoleffe nella 17a giornata di Serie C. Ebbene, al tecnico veneto la dirigenza nerazzurra non ha più concesso tempo per lavorare, ufficializzando l’esonero nella serata di domenica.

Renate, quando l'esonero fa rima con svolta: chi al posto di Pavanel?

Troppo negativo il trend che stanno vivendo Anghileri e compagni per convincere la società a temporeggiare ancora. E pensare che gli esoneri in casa Renate sono una rarità. Se ne contano appena due nella storia recente: il primo, nel 2018, portò sulla panchina delle Pantere Aimo Diana, al posto di Oscar Brevi, per l’inizio di una cavalcata che avrebbe portato i lombardi ad un passo dal sogno della Serie B, accarezzato per larghi tratti dei due campionati successivi in particolare nelle stagioni regolari. Il secondo all’inizio della stagione 2021-’22, con l’ex Roberto Cevoli richiamato al posto di Francesco Parravicini per un’altra annata da protagonisti conclusa ai playoff.

Leggi anche:  Playoff Serie C, dove vedere Benevento-Torres: RAI, Sky o DAZN? Diretta TV, streaming e formazioni

Serie C, Renate: i numeri della crisi

Proprio questo era ed è l’obiettivo di una stagione iniziata con il ritorno in dirigenza di Oscar Magoni e con un buon passo in campionato: 11 punti e una sola sconfitta nelle prime sei giornate, poi lo sprofondo, con appena 9 punti conquistati da ottobre in avanti e un solo successo, proprio in casa del Vicenza dell’ex Diana. Secondo la società la rosa della squadra non vale una crisi simboleggiata da 56 giorni senza vittorie e tre mesi senza successi in casa, l’ultimo a settembre contro l’Atalanta Under 23. Al successore di Pavanel il compito di rimettere in moto la macchina prima del possibile ricorso al mercato di gennaio.

Foggia, Mirko Cudini al capolinea

Latitudini diverse, ma stesse crisi per Foggia e Benevento. Due delle grandi del girone C vedono rispettivamente lontana e lontanissima la vetta della classifica dopo il pareggio contro il Potenza e la sconfitta nel derby contro l’Avellino. Le posizioni di Mirko Cudini e di Matteo Andreoletti sono a serio rischio. Il primo, espulso durante la partita e contestato dalla tifoseria al pari della squadra, non è davvero mai riuscito a far esprimere su buoni livelli una squadra alla quale non manca la qualità, ma che paga anche le scorie ambientali della promozione persa in finale playoff a giugno contro il Lecco e del calvario estivo dei ricorsi. L’esonero per l’ex difensore del Torino è scontato e al suo posto è in arrivo Giuseppe Raffaele.

Leggi anche:  Juventus Next Gen-Carrarese, streaming gratis e diretta TV Rai Sport o Sky? Dove vedere playoff Serie C

Serie C, il Benevento cade ad Avellino: Andreoletti a rischio?

Parecchie scorie le deve combattere pure il Benevento dopo la malinconica retrocessione dalla B dello scorso anno. Nessuno in casa giallorossa pensava a una promozione in carrozza, ma vedere in vetta alla classifica squadre come Juve Stabia, Picerno e Casertana, non certo costruite per primeggiare, fa male più della sconfitta di Avellino, maturata per un gol in contropiede e pure con tanta sfortuna (due legni). La scelta della società di puntare per la rinascita su un allenatore giovanissimo (34 anni) e propositivo come Andreoletti, reduce da una stagione da rivelazione alla Pro Sesto, ma a secco di altre esperienze e soprattutto di piazze del sud, sta già mostrando la corda. L’allenatore potrebbe però restare al proprio posto per le ultime partite del 2023 contro Latina e Catania, formazioni che stanno sotto alle Streghe in una classifica ancora molto corta.

Leggi anche:  Playoff Serie C, dove vedere Catania-Avellino: RAI, Sky o DAZN? Diretta TV, streaming e formazioni