Calciomercato Torino: si insiste con il Bologna per Donsah. Ljajic verso la Russia?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Calciomercato Torino

Calciomercato Torino, un nuovo arrivo per Mazzarri?

Calciomercato Torino, granata attivi in entrata e in uscita. Urbano Cairo vuole accontentare Walter Mazzarri. Il neo allenatore ha chiesto un rinforzo a centrocampo per attuare il suo amato 3-5-2. Il prescelto è Donsah del Bologna. La trattativa con i rossoblu procede serrata, visto che il mercato chiude il 31 gennaio alle 23. Il giocatore avrebbe già dato il suo assenso al trasferimento. C’è pero il Bologna che deve trovare un sostituto all’altezza, dato che Donsah è un titolare dello scacchiere di Donadoni. Nel caso non si riuscisse ad arrivare a questo obiettivo, allora il Torino ha già pronta l’alternativa. Si tratta di Cheick Doukourè. Ivoriano, classe ’92, Doukouré è in forza al Levante (15 presenze tra campionato e Copa del Rey) con il quale il Torino ha intessuto dei stretti rapporti per via della trattativa portata a buon fine per Lukic: ma non è dal club spagnolo che arriva la proposta.

Doukouré costerebbe intorno ai 2 milioni di euro (è arrivato in estate dal Metz, ha convinto ma non è un titolare inamovibile), sarebbe disposto a partire dalla panchina per guadagnarsi il posto e arriverebbe in Serie A con molto entusiasmo. Infine, non ci sarebbero problemi di passaporto, avendo la doppia nazionalità, ivoriana e francese. La prima scelta resta chiaramente Donsah, ma il diesse granata lavora su più fronti per cercare di accontentare Mazzarri. Ma il mercato del Torino è attivo anche in uscita, sirene russe per Adem Ljajic. 

Calciomercato Torino, lo Spartak Mosca vuole Ljajic

Calciomercato Torino, Ljajic come Maksimovic? Lo Spartak Mosca vuole continuare a fare la spesa nel campionato italiano. Massimo Carrera, dopo Maksimovic, vuole anche Adem Ljajic. Il tecnico italiani dei campioni di Russia vuole il fantasista serbo. Dopo l’addio di Mihajlovic, suo mentore dai tempi della Fiorentina, la posizione dell’ex Roma è molto meno centrale nel progetto tecnico del Torino. Lo Spartak Mosca sarebbe pronto a offrire 10 milioni di euro per avere subiti Ljajic. I granata ne vorrebbero almeno 12. Distanza non incolmabile per cercare di concludere l’affare entro il 31 gennaio.

Mazzarri sta pensando di passare al 3-5-2, un modulo che non avrebbe grande spazio per Ljajic. Al Torino c’è sovraffollamento di esterni, non è detto che il serbo sia l’unico a partire. In caso di cambio di modulo ci sarebbe solo un posto al fianco di Belotti( domenica il Gallo torna in panchina contro il Benevento). Se  lo giocherebbero Niang, Iago Falque, Berenguer e lo stesso Ljajic. Si sa che troppi galli in un pollaio non sono mai una cosa positiva. In uscita potrebbe esserci anche il giovane Edera. L’esterno mancino ha diverse richieste in serie B, tra cui Avellino e Cittadella. Lanciato in prima squadra da Mihajlovic, il classe ’98 potrebbe andare in prestito fino a giugno, per poi tornare maturato per la prossima stagione in granata. Grandi manovre in casa Torino sul mercato dunque. C’è anche da pensare al campo. Domenica allo stadio Grande Torino arriva il Benevento fanalino di coda. Mazzarri vuole tornare alla vittoria dopo il pareggio di Sassuolo. Per il mercato poi ci sarà ancora un po’ di tempo.

  •   
  •  
  •  
  •