Donnarumma-Suso, il Milan chiarisca presto i suoi equivoci: c’è Politano per il futuro?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Matteo Politano – Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Donnarumma-Suso, rebus rossoneri da risolvere in fretta. L’anno scorso di quest tempi a Milanello si faceva la conta degli elementi della squadra di Montella su cui ripartire prima del mercato. Certamente Donnarumma, certamente Suso e poi anche Romagnoli-Bonaventura. Il portiere italiano e l’esterno spagnolo, nello spazio di un solo anno, sono passati da punti di forza a punti interrogativi. Al di là degli errori contro la Juventus, Donnarumma ha vissuto una stagione molto al di sotto delle attese. Vuoi per il peso dell’ingaggio, vuoi per le contestazioni dei tifosi, fatto sta che Gigio non è mai stato quello dell’anno scorso. Idem per Suso. Lo spagnolo “costringe” il Milan a giocare con il 4-3-3. Un modulo che funziona bene solo se la condizione fisica della squadra è più che ottimale. Un modo di giocare in cui gli esterni d’attacco devono fare sempre la differenza. L’ex Liverpool è fermo sulle gambe da un bel  po’ e ormai gli avversari lo hanno studiato per bene. Nelle scorse ore, c’è stato un incontro a Roma tra i dirigenti del Milan e gli agenti di Matteo Politano, attaccante esterno del Sassuolo: secondo quanto riporta questa mattina Tuttosport, pare che non sia ancora il tempo di entrare nello specifico dei dettagli economici anche perché il ds Mirabelli, in quel ruolo, sta monitorando anche altri profili che potranno essere complementari a Suso. Ma anche alternativi allo spagnolo.

Leggi anche:  Europa League, probabili formazioni della quinta giornata

Donnarumma e Suso sono due probabili partenti del prossimo calciomercato rossonero. Reina è già sull’uscio di Milanello. Sembra inverosimile che il Milan paghi 18-19 milioni di euro lordi di ingaggio annuali solo per due portieri. Lo stesso dicasi per Suso, che ha preteso la clausola rescissoria sul rinnovo del contratto firmato qualche settimana fa. Molto probabilmente saranno loro due a finanziare il mercato estivo rossonero. Non solo loro. Altri giocatori potrebbero lasciare presto Milanello. Soprattutto se la truppa di Gattuso non dovesse centrare l’Europa League. Lì allora l’ennesima rivoluzione sarebbe davvero inevitabile.

Donnarumma-Suso, ma non solo: il Milan prepara un’altra rivoluzione

Un anno dopo ci risiamo. Il Milan fa la conta dei giocatori su cui poter puntare per la prossima stagione. Gattuso in difesa ripartirà dalla coppia Bonucci-Romagnoli, più il rientro di Andrea Conti sulla fascia destra. Tanti dubbi sulla fascia opposta, dove Ricardo Rodriguez ha deluso. Se dovesse arrivare qualche offerta non è escluso che il terzino svizzero possa partire. In quel ruolo ci sarà l’addio di Luca Antonelli e l’arrivo a parametro zero di Ivan Strinic, ex Napoli. A centrocampo non ci dovrebbero essere grandi novità. Bonaventura piace a Juventus e Roma, ma Gattuso lo ha già inserito nella casella degli incedibili. Dal Genoa potrebbe tornare Bertolacci, che potrebbe giocarsi le sue chance nel ritiro estivo. Locatelli ha fatto vedere in queste ultime uscite di poter essere un’ottima alternativa a Biglia. E forse anche qualcosa in più.

Leggi anche:  Dove vedere Milan Celtic, live streaming e diretta tv Europa League

In attacco ampiamente bocciati Kalinic-Andrè Silva. Si cercherà di vendere entrambi. Confidando magari in qualche gol realizzato al Mondiale di Russia che ne faccia lievitare il prezzo. Confermatissimo invece Calhanoglu. Il turco è stato il miglior acquisto rossonero. L’ex Bayer Leverkusen la prossima stagione potrebbe essere ancora di più al centro del progetto tecnico di Gattuso. Sopratutto se il tecnico rossonero decidesse davvero di passare al 4-3-1-2. Un modulo che non prevede la presenza di Suso in campo. La sensazione forte è che lo spagnolo e Donnarumma siano ogni giorno che passa un po’ più lontani da Milanello. Un posto dove per anni ci sono state tante certezze. Un posto che ora assomiglia sempre di più ad un Grand Hotel. Gente che va, gente che viene. Solo i tifosi restano. Sempre e comunque.

  •   
  •  
  •  
  •