Napoli, l’amarezza di Maurizio Sarri: “Non meritavo di essere trattato così”

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

(Foto di Maurizio Lagana/Getty Images – scelta da Supernews )

L’ormai ex allenatore del Napoli, Maurizio Sarri si prepara a lasciare la città partenopea; il suo sostituto sarà Carlo Ancelotti. Parlando con alcuni amici, il tecnico toscano si è tolto qualche sassolino della scarpa, spiegando i motivi del clamoroso addio, queste le sue parole, riportate dal Mattino:”Sono stato liquidato in diretta Tv, in tre anni ho mandato giù qualsiasi cosa, anche quelle situazioni che mi sono piaciute meno. Ho chiesto alla società di allontanare alcuni collaboratori del mio staff tecnico, perchè non c’era più un rapporto professionale di un certo rilievo, non dico chi sono, ma se qualcuno ha buona memoria e facile capire chi. La trattativa con il presidente Aurelio De Laurentiis per rimanere qui, non c’è mai stata, dopo che lui mi criticò senza informarmi direttamente, non sono mai volate parole simpatiche fra di noi. Ho capito tutto domenica sera, in realtà la volontà di trattenermi e continuare a lavorare insieme, non c’era fino in fondo.”

Ora, il produttore cinematografico, potrebbe anche tenere il tecnico di Figline sotto contratto fino alla scadenza naturale dell’accordo tra le parti, il 30 giugno, ma in questo caso, per l’ex tecnico dell’Empoli, trovare una squadra per la prossima stagione, diventerebbe un miraggio, visto che il “puzzle” delle panchine d’Europa, per il 2018/2019, sarebbe completo o quasi. Questa mossa poco amichevole di De Laurentiis a detta di Sarri, saprebbe di vendetta, nei suoi confronti.

  •   
  •  
  •  
  •