Roma, Alisson: “Sono dispiaciuto per Karius. Deciderò il mio futuro dopo il Mondiale”

Pubblicato il autore: Margot Grossi Segui
MILAN, ITALY - JANUARY 21: Allison of AS Roma gestures during the Serie A match between FC Internazionale and AS Roma at Stadio Giuseppe Meazza on January 21, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Dopo la finale di Champions League, dove il tedesco Loris Karius si è reso protagonista in negativo commettendo ben due errori clamorosi permettendo al Real Madrid di alzare la coppa. Il portiere della Roma, Alisson ha spezzato una lancia in suo favore.
L’estremo difensore giallorosso ha parlato alla stampa brasiliana: “Sono rimasto molto male per quei due episodi, noi portieri quando vediamo errori dei nostri colleghi soffriamo come se li avessimo fatti noi. La vita va avanti, succede, fa parte del calcio. Karius deve alzare la testa e deve essere orgoglioso di aver raggiunto la finale. Non è stata come l’aveva sognata, ma siamo soggetti agli errori. Bisogna allenarsi affinché non succeda”.

Errori che il povero Karius, consapevole di aver rovinato la partita, sta pagando e in modo pesante, tra accuse e minacce di morte, su cui la polizia britannica avrebbe avviato un’indagine. Critiche e gravi insulti per lui, la cui carriera pare segnata.
Intanto si sta facendo sentire la solidarietà da parte di altri calciatori del suo ruolo, come ad esempio Oliver Kahn, leggenda calcistica tedesca, che in passato ha vissuto simili vicende in campo, durante il Mondiale del 2002, assegnato poi al Brasile.

Alisson ha in parte chiarito le idee in merito al suo futuro: “Sono concentrato sugli obiettivi della Selecao. I miei procuratori si occupano della parte fuori dal campo. Ci penserò dopo”. Si è soffermato piuttosto sul Mondiale: “C’è un’attesa speciale per questo momento che stiamo vivendo. E’ un onore servire il nostro Paese. Abbiamo visitato il Museo della CBF, vivendo la meravigliosa storia della nostra Selecao… abbiamo visto i trofei e questo ci dà la forza per dare il massimo in questa competizione”.

Intanto il Liverpool prova a strappare Becker alla società capitolina. Ebbene sì, Alisson potrebbe essere l’alternativa a Karius. Il sogno di Jurgen Klopp è infatti quello di portarlo in Inghilterra e secondo i media inglesi avrebbe chiesto al club di fare di tutti per convincere i giallorossi. Come seconda scelta, ci sarebbe invece lo sloveno Oblank, attualmente in forza all’Atlético Madrid.
Sul 25enne del Brasile ci sarebbe anche l’interesse del Real Madrid, ma per ora il romanista non ci pensa, nonostante non abbia negato la sua ammirazione per il club spagnolo, e il piacere e la soddisfazione di essere cercato da una delle più forti al mondo.

Come riportato da forzaroma.info però Monchi ha già fatto presente che la Roma non si accontenterà di meno di 60/70 milioni e che “per far partire un giocatore c’è bisogno di tre cose: un’offerta fatta, un’offerta accettata e la volontà di quest’ultimo di andare via. Fino ad oggi non abbiamo nulla di tutto questo, per cui ad oggi resta qui. E’ normale che ci siano le voci di mercato, ma siamo tranquilli perché il ragazzo è contento a Roma e noi siamo contenti con lui”.
Parole che possono calmare, almeno per poco, i tifosi romanisti, che sui social pregano il brasiliano di restare a Roma, viste le eccellenti prestazioni durante questa stagione.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: