Calciomercato Juventus, Pjanic rasserena i tifosi: “Futuro? Ho letto cose che mi fanno ridere”

Pubblicato il autore: Gabriele Tufano Segui

Foto originale Getty Images © selezionata da SuperNews

Il futuro di Miralem Pjanic continua a far discutere. Il centrocampista della Juventus, acquistato due anni fa dalla Roma, è da giorni al centro di diverse voci di mercato che lo hanno accostato a diversi top club come: Barcellona, Manchester City e Chelsea. Al momento, però, sembrerebbe che la Juventus non abbia ancora ricevuto alcuna offerta ufficiale nonostante, giorni fa, si vociferava di un forte interessamento dei Citizens, pronti ad avanzare una proposta superiore ai 60 milioni di euro -cifra che sarebbe risultata insufficiente dal momento che il club bianconero ne richiede non meno di 100-. Indiscrezione, questa, prontamente smentita dallo stesso allenatore del club inglese, Pep Guardiola: “Pjanic? E’ un giocatore della Juventus e come tale a noi non interessa. E nel suo ruolo abbiamo abbastanza calciatori in rosa”.

Ieri, Miralem Pjanic, ospite ad un evento Adisas (sponsor della Juve) organizzato a Manhattan, è stato intercettato dai microfoni di Sky Sport. Il centrocampista bosniaco, viste le tante voci che lo vorrebbero lontano dalla Juventus, ha colto l’occasione per rasserenare tutti i sostenitori bianconeri, dichiarando: “Ho letto un po’ di tutto, tante cose che mi fanno ridere. Ma io sono sereno, sono qua e sto molto bene con questo gruppo e faccio il mio lavoro come si deve. Poi so che il mercato è fatto così: a volte interessi a qualcuno e a volte no, ma io sono molto sereno per quello che sto facendo, cerco di prepararmi al meglio e trovare la forma migliore”. Sulle cifre che gli sono state accostate, il bosniaco ha commentato: “Cosa significa? Che sto facendo bene, ma quello non mi riguarda. Dovete chiedere alle società. Io sto qua, gioco a calcio per diventare sempre migliore”. Poi, Pjanic ha continuato affrontando il tema Champions -quest’anno la Juve con l’arrivo di Ronaldo sarà una delle favorite per la conquista della “coppa dalle grandi orecchie”-: “La consapevolezza nei nostri mezzi sta crescendo di anno in anno e questo è fondamentale se si vuole arrivare fino in fondo a tutte le competizioni e ottenere tutto. Noi abbiamo sempre giocato per provare a riuscirci, ogni anno abbiamo raggiunto livelli sempre più alti e in questa stagione abbiamo tutti in testa di dare il massimo per vincere tutto, per vincere anche la Champions che finora abbiamo solo sfiorato”.

Leggi anche:  Il ritorno di Allegri alla Juventus: "Ronaldo un campione, la Champions un desiderio"

Sulla crescita avuta sotto la guida di Allegri, Pjanic ha detto: “Penso di essere cresciuto come calciatore soprattutto nell’essere più lucido nel gestire la partita. Mi riferisco alle letture tattiche. Per questo ringrazio il tecnico, che mi ha aiutato in questo senso, e le qualità del gruppo, dei miei compagni. Però vale sempre il solito discorso: la crescita deve essere costante e bisogna continuare a migliorare. A livello di squadra e individualmente.

Sul calendario della Serie A 2018/2019 Pjanic si è espresso così: “Il calendario non l’ho studiato ancora bene, abbiamo la prima fuori casa contro il Chievo e si dovrà iniziar bene, ma non sarà facile. Come sempre sarà un campionato complicato e durissimo, non c’è niente di scontato. Ma da parte nostra ci sarà sempre la stessa volontà e l’ambizione di andare in fondo a tutto e vincere tutto quello che possiamo”.

Infine sulle amichevoli pre-campionato, il centrocampista della Juve: “C’è ancora tanto da migliorare, siamo all’inizio. Abbiamo grossi carichi di lavoro, fisicamente ci dobbiamo mettere in forma. Non c’è ancora la brillantezza ma è tutto normale. La vittoria contro il Bayern? Sempre bene iniziare vincendo, è importante anche per i nuovi per integrarsi bene e capire quello che è la Juve, la mentalità e la volontà, che qui si giocano tutte le partite per vincere. Col Bayern abbiamo fatto bene, ma ci sono cose da migliorare. Per ora importante non infortunarsi e crescere fisicamente, per essere in forma quando conterà”.

  •   
  •  
  •  
  •