Calciomercato Roma, Strootman saluta e passa al Marsiglia: storia di una cessione annunciata.

Pubblicato il autore: danilotaverniti Segui
ROME, ITALY - APRIL 10: Kevin Strootman of AS Roma during the UEFA Champions League Quarter Final second leg between AS Roma and FC Barcelona at Stadio Olimpico on April 10, 2018 in Rome, Italy. (Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

Kevin Strootman – Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Il mercato estero sta per concludersi e diverse squadre sono alla ricerca del colpo finale. In tal senso, nella giornata di ieri si è conclusa una trattativa lampo tra la Roma e il Marsiglia, che ha portato l’olandese Strootman alla compagine francese. Il centrocampista olandese lascia la squadra giallorossa dopo cinque stagioni travagliate, fatte sopratutto di infortuni gravi e prestazioni quasi mai convincenti.

L’ex Psv non si è mai ripreso totalmente dagli infortuni subiti, nonostante prima Garcia e dopo Di Francesco gli abbiano concesso sempre grande fiducia, schierandolo quasi sempre negli undici iniziali. Dunque, la cessione del centrocampista è apparsa scontata e i giallorossi incasseranno 25 milioni più bonus, una cifra importante che servirà a rimpolpare le casse della società. La Roma numericamente è a posto in mediana, visto e considerato che pochi giorni fa è arrivato N’Zonzi dal Siviglia e in rosa ci sono elementi del calibro di De Rossi, Pellegrini, Cristante e Pastore, con il giovane Coric pronto a stupire quando verrà chiamato in causa.

Leggi anche:  Juventus Genoa 3-1 (Video Gol): la Vecchia Signora non si ferma più, bianconeri terzi

L’unica pecca di questa cessione è la reazione stizzita dei tifosi capitolini, che non hanno preso bene la partenza dell’esperto mancino e hanno protestato sui social, contestando la decisione della società di privarsi di uno dei veterani del gruppo. La miglior risposta è il campo. Serviranno i risultati per convincere i tifosi e l’intero ambiente che era la scelta giusta da fare, visto che il centrocampo è a posto e Strootman da tempo non si esprimeva più a buoni livelli.

  •   
  •  
  •  
  •