Mourinho, possibile esonero dal Manchester Utd: le ipotesi per il futuro

Pubblicato il autore: Armando Areniello Segui

Jose Mourinho – Foto Getty Images© per SuperNews


José Mourinho
ha fatto sempre parlare di se stesso, nel bene e nel male. Il tecnico portoghese in Italia ha vinto tutto sulla panchina dell’Inter ma da qualche anno non sembra riuscire a tirare più fuori il meglio dai suoi giocatori. Ne sanno qualcosa al Manchester United, che lo scorso anno è arrivato secondo in campionato, venendo però eliminato agli ottavi di finale di Champions League da un Siviglia tutt’altro che irresistibile.

Anche in questa stagione, però, le cose non stanno andando per il meglio. In campionato i Red Devils sono praticamente già fuori dalla lotta per il titolo. Sono 10 i punti raccolti fino ad ora in Premier League, a ben nove lunghezze di distanza dalle due capoliste, il Manchester City e il Liverpool, senza contare i già cinque punti di distanza dalla zona Champions. In campionato i tre punti non arrivano dal 15 settembre, 2-3 in casa del Watford, mentre in Champions League, dopo in buon esordio in casa dello Young Boys, è arrivato il pareggio interno con il Valencia che mette a rischio la qualificazione in vista della doppia sfida con la Juventus.

Leggi anche:  Futuro Juve: "ultimo tango a Torino" per due giocatori?

Mourinho rischia l’esonero
Ora José Mourinho rischia seriamente l’esonero. Decisiva sarà la partita che domani vedrà di fronte Manchester UnitedNewcastle all’Old Trafford. Solo i tre punti potranno salvare il tecnico portoghese, che deve cominciare a scalare la classifica se non vuole restare troppo lontano dalle zone calde. A mettere definitivamente in discussione la posizione dello Special One sono state l’eliminazione in Carabao Cup ai danni del Derby County di Lampard e la sconfitta nell’ultimo turno di campionato in casa del West Ham per 3-1. Anche un pareggio, infatti, potrebbe risultare fatale per il tecnico, che sembra aver perso anche lo spogliatoio.

Il rapporto con Pogba
Alla base di tutto c’è il rapporto burrascoso con il centrocampista francese, Paul Pogba. Il giocatore, infatti, è stato prima responsabilizzato con la fascia di capitano, che poi, però, gli è stata revocata senza una spiegazione convincente. Pogba, dunque, non ha nascosto il proprio malumore ma anche alcune critiche per il modo di giocare dello stesso Manchester United, rilasciate dopo il pareggio interno contro il Wolverhampton del 22 settembre. Se la situazione dovesse degenerare, la dirigenza del club inglese potrebbe ritrovarsi dinanzi ad un paradossale aut aut tra il campione del Mondo e José Mourinho. E la decisione su chi puntare tra i due sembra essere stata già presa visto che già la scorsa estate sono state rifiutate tutte le offerte pervenute in sede da parte del Barcellona.

Leggi anche:  Milan, il piano per la difesa di Maldini per la prossima stagione

Il futuro di Mourinho
Mourinho esonerato vorrebbe dire un’altra ombra pesante sulle grandi panchine d’Europa insieme a quella di Antonio Conte. Quale sarà il futuro dello Special One? Difficile che sia la panchina della Nazionale portoghese visto che il tecnico ha sempre dichiarato di voler fare questa esperienza solo a fine carriera. I bookmaker vedono come ipotesi papabile l’Inter e un ritorno sulla panchina nerazzurra non è stato mai escluso da José. Ma anche il Real Madrid potrebbe essere un’ipotesi percorribile nel caso in cui Lopetegui non dovesse riuscire a dare la svolta ad una stagione partita con risultati altalenanti. Intanto, però, Mourinho proverà a non chiudere la propria avventura sulla panchina del Manchester in maniera nefasta, cercando i tre punti e rinviando tutti i discorsi sul suo futuro al prossimo anno.

  •   
  •  
  •  
  •