Calciomercato Milan, André Silva paga il riscatto di Higuain. Leonardo insiste per Benatia

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Medhi Benatia – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Calciomercato Milan, Andrè Silva paga Higuain.  Il Siviglia, attraverso le parole del proprio direttore sportivo, ha annunciato che riscatterà André Silva e dunque nelle casse del Milan finiranno 35 milioni di euro: si tratta, in pratica, dei soldi che serviranno al club di via Aldo Rossi per pagare alla Juventus il diritto di riscatto di Gonzalo Higuain. Non è detto che il riscatto arrivi addirittura a gennaio. Per la difesa, come riporta l’edizione odierna del quotidiano Tuttosport, stanno salendo le quotazioni di Benatia. L’ex Bayern piace e conosce alla perfezione il nostro calcio. Il Milan, dunque, si ritroverebbe in rosa un difensore di grande esperienza pronto a dare subito il suo contributo. Per giugno occhio a Godin, l’uruguaiano è in scadenza di contratto con l’Atletico Madrid.

Calciomercato Milan,
innesti giovani a gennaio? Per avere un’idea chiara di cosa potrà fare Elliott nel mercato di gennaio si dovranno aspettare le sanzioni della Uefa. Il presidente rossonero Scaroni ha messo fretta alla Commissione Giudicante:”Spero che la sentenza arrivi in tempi brevi”, così il numero uno milanista dopo il viaggio Nyon. Solo allora Leonardo potrà definire la strategia per il mercato invernale. Intanto il direttore generale del Milan continua a guardarsi attorno. In Italia-Usa di ieri sera è piaciuto molto Stefano Sensi. Il regista classe ’95 del Sassuolo ha giocato una grande partita, facendo vedere grandi doti di personalità. Trattare con i nero-verdi non è mai facile. L’affare Locatelli, chiuso in estate tra le due società, può però facilitare le cose. Per la mediana resta sempre caldo il nome di Paredes. L’argentino ex Roma costa tanto. Lo Zenit vuole 25-30 milioni di euro. Da capire se un’operazione del genere può essere in linea con le norme del Fair Paly Finanziario. 

Leggi anche:  Dopo il rifiuto al Barcellona, il portiere si accasa in serie B!

Calciomercato Milan, nuovo nome in difesa. Come riporta la Gazzetta dello Sport per la retroguardia c’è un nome nuovo su cui i rosssoneri hanno cominciato a lavorare. Si tratta di Andreas Christensen, 22enne centrale del Chelsea che non sta trovando tanto spazio dopo l’arrivo di Sarri (con Conte era titolare lo scorso anno). Danese, classe ’96 è alla terza stagione con i Blues. Attenzione poi sempre anche alla pista brasiliana che porta a Rodrigo Caio, con Leonardo che potrebbe sfruttare i suoi ottimi rapporti con il San Paolo.

Calciomercato Milan, i soliti noti in attacco

Calciomercato Milan, Ibra o non Ibra? Sarà un tormentone invernale, peggio di quelli musicali per Natale. Zlatan Ibrahimovic e il Milan, un matrimonio che s’ha da da fare? I contatti con Mino Raiola e il giocatore sono costanti. A questo punto si tratta di capire solo se c’è la piena volontà delle parti a concludere il ritorno del gigante di Malmoe in rossonero. Sullo sfondo c’è poi anche l’ipotesi Alexandre Pato, il quale resta però vincolato al Tianjin da una clausola da 25 milioni di euro. Il nome del brasiliano non scalda più di tanto i tifosi milanisti, a differenza di quello di Ibra. Ma questo è più che normale.

Leggi anche:  Futuro Cristiano Ronaldo, la Juventus ha scelto gli EREDI

Calciomercato Milan, Vidal si offre. Pochi mesi per capire che Barcellona non va bene per lui. Arturo Vidal sarebbe già pronto per cambiare nuovamente maglia. L’ex Juventus e Bayern Monaco gioca poco in blaugrana e non avrebbe legato più di tanto con Messi e compagni. Tanto che il Barcellona lo starebbe già offrendo a mezza Europa, anche al Milan. Vidal guadagna tanto, anzi tantissimo (9 milioni a stagione). L’operazione potrebbe farsi con un prestito con diritto di riscatto. Un po’ come fece l’Inter con Rafinha nella passata stagione. A proposito anche il brasiliano è scontento a Barcellona. Il 3 gennaio si avvicina e così anche i saldi sugli scontenti. Saldi sui prezzi del cartellini, ma non sugli ingaggi. Su quelli i calciatori difficilmente rinunciano a qualcosa. Il tutto sempre con il consenso Uefa. Ormai è una spada di Damocle con cui il Milan ha imparato a convivere. E dalla quale spera di liberarsi presto. Molto presto.

  •   
  •  
  •  
  •