Pagelle calciomercato squadra per squadra di Serie A: i top&flop di questa sessione

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui



Si è chiusa un ora fa la sessione invernale del calciomercato 2018/19 delle squadre di Serie A, Serie B e Serie C. Una sessione di riparazione che ha visto nomi eccellenti del nostro panorama calcistico arrivare ed andare via. La regina di questa sessione è sicuramente il Milan, che con l’arrivo di Piatek e la cessione di Higuain ha rinforzato l’attacco. Male la Roma, mentre la Juventus è rimandata alla sessione estiva. Tra le squadre secondarie hanno fatto molto bene sia il Parma che la Spal, mentre il Bologna ha deluso. Insufficiente anche il mercato della Lazio.  Andiamo a vedere nel dettaglio, squadra per squadra, le pagelle con i top & i flop degli acquisti e delle cessioni che hanno caratterizzato quest’ inizio di anno.

ATALANTA:  6
Difficile migliorare la rosa già competitiva di Gasperini. Se ne vanno Rigoni, Valzania e Tumminello che non trovavano spazio, mentre entrano due profili non conosciuti come Ibanez e Braciano. Manca sicuramente un altro attaccante.

BOLOGNA:  5
Difficile fare un mercato all’altezza in pochi giorni. L’esonero di Filippo Inzaghi ha sicuramente complicato le cose, nonostante gli arrivi di Sansone e Soriano. Nei giorni finali di mercato, con l’arrivo di Mihajlovic, la società ha portato in Emilia Edera Lyanco. Mercato però non all’altezza e tanta delusione. Salvezza possibile?

CAGLIARI:  6,5
Bene il Cagliari invece, che con il direttore sportivo Marcello Carli è riuscito a sistemare tutte le tessere del puzzle mancanti. Gli arrivi di Cacciatore, Luca Pellegrini e Thereau, richiesti dal tecnico Maran danno fiducia per il finale di stagione per il club sardo. Bravi a tenere Barella, rinviando la sua cessione all’estate.

CHIEVO:  5,5
Con la classifica che li vede all’ ultima posizione, il club di Campidelli vuole la salvezza aritmetica e per farlo ha fatto qualche innesto. Un mercato del nulla, nel quale si è pensato a incassare più che a rafforzarsi. Schelotto, Piazon e Diousse gli uomini giusti, nonostante la partenza di Birsa. Potevano fare di meglio.

EMPOLI:  6
La società crede nella salvezza e perciò ha fatto una vera e propria rivoluzione. Via Zajc, neo giocatore del Fenerbahce, e Rasmussen, dentro Farias, Diks, Oberlin, Pajac, Nikolau e Dell’Orco. Ora il tecnico Iachini ha una rosa bella, folta e più adatta al suo gioco.

FIORENTINA:  7,5
Fiorentina regina del mercato. L’arrivo di Muriel, strappato al Milan, si sta rivelando azzeccatissimo e decisivo per i sogni europei della squadra viola allenata da Pioli. Ottime anche le operazioni già concluse (per giugno) di Traore e Rasmussen dall’Empoli e Zurkowski. Sarà l’anno del ritorno nei campionati europei?

FROSINONE:  6
Rosa ritoccata nella speranza di potersi riagganciare al treno della salvezza: Viviani può essere importante davanti. Alla corte di Baroni sono arrivati Valzania, Viviani, Trotta e Simic. Addii giusti per i giocatori che hanno avuto poco spazio come Soddimo, Ardaiz e Crisetig.

GENOA:  6,5
Dolorosa, ma inevitabile, la cessione di Piatek, passato al Milan per sostituire Higuain in cambio di 35 milioni di euro. Buoni i rinforzi arrivati in casa rossobù, uno su tutti Sanabria. Sono però Romero e Kouame, trattenuti in rossoblu fino a giugno, i veri colpi di Preziosi e Perinetti.

INTER:  5,5
Con un terzino rotto, l’unico che ha preso è un sostituto sufficiente, Cedric. Per la vera rivoluzione bisogna aspettare l’estate. Gli scontentati Miranda e Perisic rimangono a Milano: quale sarà il loro rendimento?

JUVENTUS:  5
La regina del campionato ha molto deluso in questa sessione. Ci si aspettava un rinforzo in difesa e a centrocampo ma l’unico risultato è stata la cessione di Benatia. Mossa incomprensibile, che rende il reparto difensivo decisamente peggiore degli altri.

LAZIO:  5,5
Proprio il minimo insindacabile per la squadra biancoceleste, giusto qualche innesto per limare la difesa. Via Caceres e Murgia, dentro Romulo: se sta bene può tornare utile, ma non è certo l’acquisto che può dare la spinta decisiva nella corsa alla Champions. Insomma, operazioni per sfoltire la rosa.

MILAN:  7,5
Sono Maldini e Leonardo i veri protagonisti del calciomercato con i colpi Higuain e Piatek. Senza dimenticarsi di Paquetà, che sta dando segnali da potenziale campione. E’ la regina del mercato invernale.

NAPOLI:  6
Ha deluso la squadra di De Laurentis. Mercato senza colpi per ora, ma sicuramente l’operazione che ha impegnato di più i partenopei è il rifiuto alla proposta del Paris Saint Germain per Allan. Ok il prestito di Rog al Siviglia. Tante idee per il futuro rinviate all’ estate.

PARMA:  6,5
Doppio colpo per i ducali. Prima l’arrivo di Kucka, che può dare consistenza alla squadra, poi la parola mantenuta dal ds Faggiano: Bruno Alves è rimasto a Parma nonostante i tentativi dei bianconeri. Buona la classifica, l’Europa è vicina.

ROMA:  4,5
Una delle big che ha deluso maggiormente. Nonostante una rosa che ha mostrato molte lacune a livello qualitativo, la Roma non ha fatto praticamente nulla in entrata. Pallotta risparmia, mentre Di Francesco affonda e rischia l’esonero. Da segnalare l’ addio di Luca Pellegrini. Male se non malissimo.

SAMPDORIA:  6
Il ritorno di Gabbiadini a titolo definitivo è stato il fiore all’occhiello della campagna acquisti blucerchiata. Bene anche Sau. La dirigenza ligure ha gestito senza troppi affanni una sessione invernale da sufficienza piena.

SASSUOLO:  6,5
L’addio di Boateng, passato al Barcellona, è ciò che pesa di più in casa neroverde e i tifosi stanno sentendo la mancanza. In ottica futura bene il ritorno di Scamacca, che prenderà il posto del ghanese. Brava la dirigenza emiliana a resistere alla cessione di Sensi e Duncan, mentre l’arrivo di Demiral lascia spazio a possibili turnover. I tifosi possono sognare il ritorno in Europa?

SPAL:  6
Gli arrivi di Murgia, Regini, Viviani e Jankovic sono i colpi di questa sessione per la Spal. Il tecnico Semplici può ritenersi quindi soddisfatto, ora la rosa è più completa. In uscita saluta Viviano, che è passato al Frosinone.

TORINO:  6
Via Edera e Lyanco, ma anche una lunga serie di no per Belotti, cercato sia in Cina che dal West Ham. Il Torino ha vissuto un mese tranquillo. Mazzarri avrebbe voluto un mediano, ma Cairo ha detto no, ritenendo questa rosa all’altezza per centrare una tranquilla qualificazione europea. Sarà la volta giusta?

UDINESE:  6
Rosa sfoltita per mister Nicola con le partenze di Scuffet, Pezzella, Vizeu, Coulibaly e Machis. In cambio arrivano Okaka e Zeegelaar. Si poteva fare di più, ma è importante aver trattenuto De Paul, l’uomo che può può fare la differenza nella corsa salvezza. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Thiago Motta dopo la sconfitta contro la Samp: "Pensiamo già alla prossima partita. Nzola sta tornando in condizione"