Ibrahimovic: Futuro all’Hammarby?

Pubblicato il autore: Demetrio Segui


In questi giorni sta tenendo banco in casa Milan il futuro del fuoriclasse svedese Zlatan Ibrahimovic, sospeso tra il continuare l’avventura rossonera oppure cambiare stadio a fine stagione. Una situazione complicata che nei prossimi giorni arriverà ad una conclusione, visto che lo svedese è atteso in Italia nella giornata di oggi.

La quarantena di Ibrahimovic

Come testimoniato dalle numerose immagini catturate dai diversi operatori e anche sui social, Zlatan Ibrahimovic ha trascorso la quarantena in Svezia avendo, anche, la possibilità di allenarsi con l’Hammarby squadra di cui è co-proprietario. La situazione avrà fatto piacere al Milan che, in caso di ripresa, potrà contare su un giocatore in forma da un punto di vista fisico. Una quarantena sicuramente più tranquilla quella dello svedese, anche rispetto a quella del club rossonero impegnato nel nodo Rangnick da risolvere. Proprio l’arrivo dell’attuale tecnico del Lipsia sembrerebbe condannare Ibra alla partenza. Interpellato sul suo futuro nei giorni scorsi l’asso svedese aveva dichiarato di voler rispettare il contratto con il club rossonero.

Le dichiarazioni del Ds Jansson

Jesper Jansson, intercettato dai microfoni di Expressen, ha parlato del giocatore svedese ospitato durante la quarantena:”Se c’è la possibilità di acquistare Ibra? E’ probabile, penso di si. Ma solo Zlatan lo sa. Al momento lui non ha detto nulla a riguardo e io non devo certo dirgli che lo vogliamo qua. Oramai ho capito com’è fatto, lui non s’esporrà fino a quando non è sicuro al 100%, ma ovviamente a noi l’ipotesi piacerebbe molto.”  Le parole di Jansson non nascondono il desiderio di vedere Ibrahimovic, un giorno, vestire la maglia del club che lo ha ospitato durante questo periodo di pausa forzata. La realizzazione di questo sogno passa attraverso due aspetti importanti: il futuro del Milan e, soprattutto, la volontà dello svedese uno che ha sempre abituato, e deliziato, la platea con colpi sorprendenti.

  •   
  •  
  •  
  •