Bigon chiude a Ibra:”Appartiene al passato”

Pubblicato il autore: Demetrio Segui

Bigon chiude a Ibra

Durante l’inverno, quando ancora non aveva sciolto le riserve sul suo futuro, il matrimonio Ibra-Bologna fu presa come la suggestione che avrebbe infiammato una piazza, quella felsinea, desiderosa di sognare. Oggi il ds Bigon chiude a Ibra nel corso di un’intervista a Radio 1, parlando del futuro in cui non rientra l’asso svedese.

Bigon chiude a Ibra:”E’ un’idea del passato”

Il ds dei felsinei ha, dunque, chiuso a un ricongiungimento tra i due grandi amici Sinisa Mihajlovic e Zlatan Ibrahimovic, nonostante l’accostamento di un nome altisonante come quello dello svedese faccia piacere sotto le due Torri. Intervenuto, come detto, a Radio 1, il Ds Riccardo Bigon s’è espresso in questi termini sulla vicenda Ibrahimovic:”La suggestione mediatica la comprendo, è un nome importantissimo e di alto livello. Normale che faccia rumore, ma non è una possibilità per il Bologna perchè non c’è più alcun contatto reciproco. Lo scorso inverno si è sentito con Mihajlovic, poi ha fatto le sue scelte. Da allora in poi la cosa non è più stata presa in considerazione. Il nostro progetto tecnico è avanzato, non è un posto nuovo da ricostruire. Abbiamo una squadra giovane e talentuosa, con un allenatore, Mihajlovic, che sarà con noi anche l’anno prossimo.” Bigon chiude a Ibra le porte di Casteldebole. Il Bologna, come espresso dalle parole del Ds, sembra puntare su giovani talenti come Riccardo Orsolini e, dunque non c’è spazio per Zlatan che deve, così, cancellare una pretendente dalla rosa delle papabili squadre per il suo futuro. Non ne rimangono più tante. Meglio concentrarsi sul far bene con il diavolo cercando di portarlo più in alto possibile in questo scorcio finale di stagione. L’asso svedese sta recuperando e conta d’esserci già alla ripresa contro il Lecce per tornare a segnare e costruirsi il futuro, ammirando da lontano le gesta dell’amico Sinisa.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Pagelle Juventus - Bologna 2-0: centrocampo rivitalizzato, il Bologna fa troppo poco