Torino, ecco le parole di Cairo sul mercato: “Ramirez forse, Niang non torna”

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


LE PAROLE DI CAIRO SUL MERCATO DEL TORO: ARRIVERANNO INNESTI – E’ un mercato anomalo, strano, quello a cui stiamo assistendo. La crisi economica dettata dal Covid ha messo in ginocchio l’economia mondiale, e non è facile per nessun club italiano od europeo operare in maniera serena senza dare uno sguardo ai conti e ai bilanci. Il Torino, però, nonostante ciò ha investito in maniera discreta in questo mercato “povero”, portando dotto la Mole alcuni giocatori interessanti e funzionali come Vojvoda, Murru, Ricardo Rodriguez e Linetty. Non solo, qualcun altro potrebbe ancora arrivare, come ad esempio Torreira o Gaston Ramirez: non arriverà invece Mbaye Niang, ex granata il cui ritorno è stato escluso dal presidente Urbano Cairo. Ecco tutte le sue parole.

Mercato Torino, le parole di Cairo: “Abbiamo speso tanto in un mercato povero”

Nessun club, al di là di Juventus e Inter (che si tanno finanziando con le cessioni) è stato in grado di spendere grandi cifre quest’estate: il Toro di Urbano Cairo, però, tutto sommato ha investito in maniera discreta su alcuni giocatori utili per il nuovo ciclo targato Marco Giampaolo:  “Abbiamo fatto molte cose, in un mercato povero abbiamo speso 15-16 milioni. Sono arrivati Linetty, Rodriguez, Vojvoda e Murru. Stiamo lavorando per completare la squadra, in completa sintonia con il mister, tutto ciò che ha chiesto lo abbiamo preso. Manca forse un tassello“. Quel tassello potrebbe avere un nome e un cognome, ovvero quello di Gaston Ramirez della Sampdoria, ma non quello di Mbaye Niang: “Niang è già stato da noi, non tornerà. Però qualcosa va fatto, evidentemente, e sto lavorando con Vagnati. Ramirez? Qui c’è Osti, ed è seduto vicino al nostro direttore sportivo… Ci sono altri nomi che possono essere interessanti“. In ogni caso, Cairo vuole che il suo nuovo allenatore lavori tranquillo e sereno, senza prefiggere obiettivi in partenza: “Preferisco non fare dichiarazioni di obiettivi, meglio cominciare a fari spenti e dare tempo a Giampaolo che può iniziare un ciclo con noi facendo crescere anche tanto i giovani“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: