Asta per un big dell’Inter, la società cerca già il sostituto

Pubblicato il autore: Giuseppe Visco Segui

Per i tifosi dell’Inter, dopo 11 anni, sembrava essere arrivato il momento di imporsi nuovamente in Europa. Con lo scudetto a Milano e la qualificazione in Champions tutti credevano in un rafforzamento della squadra. E invece no. La proprietà cinese – che si sta dimostrando un vero e proprio bluff – è stata chiara: in caso di offerta sono tutti sul mercato. E dopo l’addio di Conte, sembrerebbe essere arrivato anche il momento di un big e tutto porta ad Hakimi. E sono 3 le società interessate, con il PSG pronto a fare follie pur di portarlo a Parigi.

Hakimi, stagione sensazionale

La stagione appena conclusa ha visto Hakimi imporsi come uomo determinante nella vittoria dello scudetto con 8 gol e 8 assist in campionato. L’esterno marocchino arrivato dal Real Madrid, dopo aver vestito per due anni la maglia del Dortmund in prestito, per 40 milioni di euro, ne vale al momento circa il doppio. Da Parigi, attualmente, l‘offerta per Hakimi si aggira sui 50-60 milioni, con l’Inter che ne chiede almeno 80, c’è tempo per trattare. Oltre al PSG, che offre anche 5 anni di contratto a 8 milioni al calciatore, anche il City di Guardiola e il Bayern Monaco sono pronte a inserirsi. Lo sostituirà Emerson Royal del Barcellona? Probabile: il classe 99, attualmente in prestito al Betis, costa sui 20 milioni di euro.

Leggi anche:  Anche l'Inter su Lingard: sfida a Real e PSG

La rabbia dei tifosi

Se Hakimi partisse, la tifoseria neroazzurra sicuramente si farà sentire con la società. Già la settimana scorsa ci sono state proteste da parte della tifoseria che voleva la permanenza di Conte. Alla società è chiesta chiarezza e serietà che, purtroppo, sembra mancare. Sembra abbastanza palese da parte di Zhang la volontà di monetizzare (per poi vendere?).  E come se non bastasse, sembra che il Chelsea, impegnato questa sera nella finale di Champions, sia pronto ad offrire una cifra considerevole – vicina ai 100 milioni – per Lukaku. L’addio del gigante belga rappresenterebbe uno scenario catastrofico. E, se combinato a quello di Hakimi, l’aria a Milano, si farebbe davvero preoccupante.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,