Il campione dell’Atalanta scatena un’asta europea!

Pubblicato il autore: Giuseppe Visco Segui

Già prima dell’Europeo il valore di Robins Gosens dell’Atalanta si aggirava sui 30 milioni di euro. Valore che potrebbe aumentare – e notevolmente – dopo Euro 2020. Nella partita di ieri contro il Portogallo, finita 4-2 per i tedeschi, Robin è stato devastante sulla fascia. Oltre al gol e all’assist, lo strapotere fisico dell’esterno è stato sotto gli occhi di tutti. Il malcapitato Semedo è stato letteralmente sovrastato dal calciatore dell’Atalanta.

Gosens, macchina da gol

La prestazione di Robin in nazionale è stata la ciliegina sulla torta di una stagione da incorniciare: ben 11 gol per lui. I suoi gol hanno portato, nuovamente, l’Atalanta in Champions League.  Il classe 94′ è arrivato all’Atalanta nel 2017 dall’Heracles per la cifra di circa due milioni e mezzo di euro. Il suo valore, prima dell’Europeo, era decuplicato e dopo Euro2020 potrebbe sfiorare i 40/45 milioni di euro. La prima convocazione con la nazionale tedesca risale all’agosto 2020, da quel momento è regolarmente nel giro dei titolari. E ne fa nettamente la differenza. Ieri, dopo che è uscito dal campo (sostituito da Halstenberg) si è sentita la sua assenza. Da underdog a salvatore della patria.

Leggi anche:  Inter, c'è già il sostituto di Lukaku?

Miniera Atalanta

La squadra bergamasca, nel frattempo, si gode le prestazioni di Gosens e spera in un’asta internazionale. Su di lui tutti i top club europei: Bayern Monaco, Manchester City, Inter, Juventus, Roma, Barcellona e ultima, ma non per importanza, Real Madrid. L’Inter potrebbe puntare sul tedesco in caso di una cessione – sempre più probabile – di Hakimi. Da non dimenticare che Robin aveva deciso a Gennaio 2019 di tornare in Germania allo Schalke 04 – retrocesso clamorosamente questa’anno in Zweite Bundesliga. L’Atalanta rifiutò l’offerta di 10 milioni dei tedeschi e l’affare saltò. Chissà cosa sarebbe successo se Robin fosse andato allo Schalke. Da una potenziale retrocessione alle vetrine più importanti d’Europa il passo può essere molto molto breve.

  •   
  •  
  •  
  •