Luca Serafini a SuperNews: “Il Napoli riprenderà a pieno ritmo. Milan, non guardarti le spalle. De Ketelaere? Troppa grancassa intorno a un ragazzino”

Pubblicato il autore: Rudy Galetti

SuperNews ha avuto il piacere di intervistare Luca Serafini, noto giornalista vicino alle vicende del Milan, facendo il punto sulla Serie A e sui Rossoneri.

Luca, tra poco ritornerà la Serie A e potrebbero essere ancora strascichi sulla situazione Juventus: al di là delle decisioni della giustizia sportiva, quale pensi possa essere il contraccolpo psicologico sul campo che potrebbero subire i giocatori bianconeri?
I giocatori della Juventus credo sapranno distinguere tra il proprio dovere e una situazione delicata come quella societaria. I professionisti questo fanno.

Il Napoli è chiamato a confermare quanto di buono fatto nella prima parte di stagione, con gli impegni ravvicinati nel giro di 10 giorni contro Inter e Juventus: che ripresa ti aspetti dagli uomini di Spalletti?
Il Napoli riprenderà certamente pieno ritmo e senza tentennamenti. Le energie andranno dosate con il ritorno della Champions, a partire da febbraio.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Salernitana-Juventus: diretta tv e streaming live

Veniamo al Milan: qualche pareggio di troppo nella prima parte di stagione, una sconfitta – seppur indolore – nella gara amichevole contro l’Arsenal. Che Milan pensi di trovare a gennaio?
Il Milan sarà sicuramente pronto per ricominciare la corsa. I Rossoneri dovranno puntare il Napoli senza guardarsi le spalle: se vinci, nessuno ti può raggiungere.

Capitolo De Ketelaere: ad oggi, sembra che il belga stia risentendo della pressione e della difficoltà di inserimento nei dettami tattici di Pioli. Come giudichi questa situazione?
Non la giudico: attendo e basta. Le doti le ha, il carattere si forgerà. Troppa grancassa intorno a un ragazzino che è in Italia, in sostanza, da due mesi.

Sul fronte Calciomercato, pensi che qualcuna delle big di Serie A possa stupire con un colpo a sorpresa nel mercato di gennaio?
Mi pare che i debiti dovrebbero frenare gli appetiti di qualche club, nonostante l’alibi della pandemia per spalmare le tasse. A leggere i giornali e sentire la tv, però, non sembra sia così.

  •   
  •  
  •  
  •